Sayfadaki görseller
PDF
ePub

O Terra veneranda, o Cielo padre,
Deh riguardate a me, se pure è vero
Che di voi nacqui, e questo figlio mio
Da l'ira di Saturno astuto nume
Or mi salvate, si ch'egli nol veda,
E questi ben ricresca e venga adulto.
Cosi pregava Rea di belle chiome,
Poi che per te di fresco nato in core
Sentia gran tema: e per gli eccelsi monti
Ed il profondo mare errando giva
L’eco romoreggiante. Udilla il Cielo
E la feconda Terra, e nera notte
Venne sul bosco e si sedè sul monle.
Ammutarono a un tratto e sbigottiro
I volatori de la selva e intorno
Con l'ali stese s'aggirâr vicino
Al basso suol. Ma l'accogliea ben tosto
La diva Terra fra sue grandi braccia;
Ne Saturno il sapea, chè nera notte
Era su la montagna. E tu crescevi,
Re dal tridente d'oro, ed in robusta
Giovinezza venivi. Allor che voi,
Di Rea leggiadra figli e di Saturno,
Tutto fra voi partiste, ebbesi Giove,
Che i nembi aduna, lo stellato cielo;
Il mar ceruleo tu; s’ebbe Plutone
De l'averno le tenebre. Ma tutti
Tu de la Terra scotitor vincevi,
Salvo Giove e Minerva. E chi potrebbe
Con l'Olimpio cozzare impunemente?
Il cielo tu lasciasti, e teco il figlio
De la bianca Latona in terra scese:
Ed al superbo Laomedonte alzavi
Tu dell'ampio Ilion le sacre mura;
Mentre ne' boschi opachi e ne le valli

De l' Ida nuvolosa i neri armenti
Febo Apollo pascea: ma Laomedonte,
Compita l'opra tua, la pattuita
Mercede ti negò: stolto! chè l'onde
Biancheggianti del pelago spingesti
Contr’llio tu, che sormontâr le mura
Con gran frastuono mormorando, e tutta
Empiero la città di sabbia e limo
Co’prati e le campagne. E tal prendesti
Del fier Laomedonte aspra vendetta.

Ma qual cagione a tenzonar ti mosse
Con Palla diva occhi-cilestra? Atene
La cecropia città, poi ch appellata
Tu la volevi dal tuo nome, e Palla
Il suo darle voleva. Ella ti vinse,
Chè con la lancia poderosa il suolo
Percosse e uscir ne fe virente olivo
Di rami sparsi. Ma tu pur fiedesti
La diva Terra col tridente d'oro,
E tosto fuor n'usci destrier ch'avea
Florido il crine: onde a te diero i fati
I cavalli domar veloci al corso.
I pastori ama Pan, gli arcieri Febo,
Cari a Vulcano sono i fabbri, a Marte
Gli eroi gagliardi in guerra, i cacciatori
A la vergine Cintia. A te son grati
I domatori de cavalli, e primo
Tu de la terra scotitor possente
A'chiomati destrieri il fren ponesti.
Salve, equestre Nettuno. I tuoi cavalli
Van pasturando ne gli argivi prati,
Che a te sacri pur sono; e con la zappa
Il faticoso aglicoltor non fende
Quel terreno giammai né con l'aratro.
Ma presti son come gli alati augelli

I tuoi destrieri ed erta han la cervice;
Nè ci ha mortal che trarli possa innanzi
Al cocchio sotto il giogo e con le briglie
Reggerli e col flagello e con la voce.

Qual però de le ninfe a te dillette,
Signor del mare, io canterò ? la figlia
Di Nereo forse e Doride, Anfitrite ?
O Libia chiomi-bella, o Menalippe
Alto-succinta, o Alópe, o Calliroe
Di rosee guance, e la leggiadra Alcione,
0 Ippotoe, o Mecionice, o di Pitteo
La figlia, Etra occhi-nera, o Chiome, od Olbia,
O l'eolide Canace, o Toosa
Dal vago piede, o la Telchine Alia,
Od Amimone candida, o la figlia
D’Epidanno, Melissa? E chi potrebbe
Tutte nomarle? e a noverar chi basta
I figli tuoi ? Cercion feroce, Eufemo,
Il tessalo Triòpe, Astaco e Rodo,
Onde nome ha del Sol l'isola sacra,
E Téseo ed Alirlozio ed il possente
Triton, Dirrachio e il battaglioso Eumolpo
E Polifemo a nume ugual. Ma questo
Canto è meglio lasciar, chè spesso i figli
Cagion furono a te d'acerbo lutto.
Polifemo de l'occhio il saggio Ulisse
In Trinacria se cieco; Eumolpo spense
In Attica Eretteo: ma ben vendetta
Tu ne prendesti, o Scoti-terra, e, morto
Lui con un colpo del tridente, al suolo
La casa ne gettasti. E Marte istesso
Impunemente non t’uccise il figlio
Alirrozio leggiadro: i numi tutti
Lui concordi dannâr. Salve, o Nettuno
Ampio-possente: a te gl'istmici ludi

E le corse de cocchi e de gli atleti
Son sacre e l'aspre lotte, e neri tori
In Trezene, in Geresto e in cento grandi
Città di Crecia ogni anno a l’are tue
Cadono innanzi; e ne la doric' Istmo
Vittime in folla traggono al tuo tempio
Le allegre turoe. Oh salve, azzurro dio
Che la Terra circondi, alti-sonante,
Gravi-fremente. I boschi su le cime
De le montagne crollansi, e le mura
De le cittadi popolose e i templi
Ondeggiano perfino allor che scuoti
Tu col tridente flebile la Terra,
E gran fracasso s'ode e molto pianto
Per ogni strada. Nè mortale ardisce
Immolo starsi; ma per tema a tutti
Si sciolgon le ginocchia, e a l’are tue
Corre ciascun, tindrizza preghi, e molte
Allor s'offrono a te vittime grate,

Salve, o gran figlio di Saturno. Il tuo
Lucente cocchio è in Ega, nel profondo
Del romoroso pelago: Vulcano
Tel fabbricò, divina opra ammiranda.
Ha le ruote di bronzo, ed il timone
D'argento e d’oro tutto è ricoperto
L’incorruttibil seggio. Allor che poni
Tu sotto il giogo i tuoi cavalli, e volano
Essi pel mare indomito, fendendo
I biancheggianti flutti, sui lor colli
Disperge il vento gli aurei crini, intorno
A te che siedi e il gran tridente rechi
Ne le divine mani, uscite fuori
De le case d'argento a galla tutte
Le guanci-belle figlie di Nereo
Vengono tosto, e innazi a te s’abbassa

L'onda e l'apre la via; né t’ alza il vento, Chè tu del mar l'impero in sorte avesti

Ma qual potrò chiamarti, o del tridente Agitatore? altri Elicomio, ed altri T'appella Suniarato. A Sparta detto Sei Natalizio, ed Ippodromio a Tebe, In Atene Eretteo. Chiamanti Elate Molti altri, e molti di trezenio o d'istmio Ti danno il nome. I Tessali Petreo Diconti, ed altri Onchestio, ed altri pure Egeo ti noma e Cinade e Fitalmio. Io dirotti Astaleo, poichè salute Tu rechi aʼnaviganti. A te fa voti Il nochier quando s'alzano del mare L’onde canute, e quando in nera notte Percote i fianchi al ben composto legno Il flutto alti-sonante che s'incurva Spumando, e stanno tempestose nubi Su le cime degli alberi, e del vento Mormora il bosco al soffio (orrore ingombra Le menti de’mortali), e quando cade Precipitando giù dal ciel gran nembo Sopra l'immenso mare. O dio possente Che Tenaro e la sacra onchestia selva E Micale e Trezene ed il pinoso Istmo ed Ega e Geresto in guardia tieni, Soccorri a’naviganti; e fra le rotte Nubi fa che si vegga il cielo azzurro Ne la tempesta, e su la nave splenda Del sole o de la luna un qualche raggio 0 de le stelle, ed il soffiar de' venti Cessi; e tu l'onde romorose appiana, Si che campin dal rischio i marinai. O nume, salve, é con benigna mente Proteggi i vati che de gl’inni han cura.

FINE.

« ÖncekiDevam »