Sayfadaki görseller
PDF

HARYARC COLLEGE !I8R)?!

H. NELSON GAY
RISORGIMENTO COLLECTION
COOLIDGE FUND

1931

i

Milano, coi tipi del Dott. Pietro Boniotti. AI LETTORI

Volgono giorni poco prosperi alle nostre lettere. Da alcuni anni sembrano pressochè colpite di sterilità; nè a molto giovano gli sforzi degli editori per richiamarle all'antico splendore.

Dobbiamo disperare per questo? dobbiamo ristare dallo adoperarci per quanto è in noi a fine di tornar in fiore i nobili studi, perchè non vediamo consolati di prospero successo i nostri tentativi? Questa interrogazione l'abbiamo fatta più volte a noi medesimi, e più volte lo sconforto tentò impadronirni di noi.

Ma se perduranza è virtù, e se questa può condurre a felici risultamenti anche nella spinosa via de’negozi librarii, la natura ce ne fu crescono le difficoltà, noi vieppiù tenacemente persistiamo nel nostro arringo. E non secondati che a mezzo e quasi a forza nelle opere originali di lunga lena, dirette specialmente a chi può con larghezza spendere, ci rivolgiamo ora ad un pubblico più numeroso, al pubblico de’modesti peculii, offrendogli, in questa nostra BIBLIOTECA Che dedichiamo alle FAMIGLIE ITALIANE, raccolti in bei volumetti, a mitissimo prezzo, i tesori della patria letteratura e di quella de' popoli più inciviliti, a studio di cooperare allo incremento della nostra ; pronti a non risparmiare nè fatiche, nè spese onde ottenere dagli ingegni più alti a far bene, quelle opere di cui si ravvisi lacuna nelle nostre lettere e che possano tornare più adatte ai bisogni de’tempi.

La penisola ci sarà in quest'impresa cortese di quell'appoggio che è prima condizione di vita a pubblicazioni di tanta importanza? Il bisogno di universale istruzione, gli intendimenti nostri nello accingerci a questa raccolta, ci danno cagione di bene sperare.

Mentre aspettiamo dal pubblico favore incoraggiamento a dotare la nostra BIBLIOTECA

derla più profittevole, verremo dando fuori versioni di opere utili, e riproducendo taluni de’nostri classici o mancanti in commercio o non pubblicati per anco in edizioni economiche.

E fra questi , per primo, viene da noi scelto il Leopardi. L'arte dello scrivere con eleganza poco ormai più si cura: il dir presto sembra non lasci più campo allo studio del dir bene. Indi in noi il divisamento di rendere popolari i migliori scritti del più elegante fra gli autori italiani dei nostri tempi; chè tale l'illustre Recanatese è ormai reputato universalmente per consenso dei dotti.

Senza contestare il diritto che hanno alla i pubblica gratitudine coloro i quali raccol

gono tutto quello che uscì dalla penna dei

grandi scrittori, terremo via diversa dalla i calcata da loro, limitandoci a pubblicare,

anco degli egregi, solamente le migliori opere e le più utili.

Torino, 15 aprile 1857.

crescono le difficoltà, noi vieppiù tenacemente persistiamo nel nostro arringo. E non secondati che a mezzo e quasi a forza nelle opere originali di lunga lena, dirette specialmente a chi può con larghezza spendere, ci rivolgiamo ora ad un pubblico più numeroso, al pubblico de’modesti peculii, offrendogli, in questa nostra BIBLIOTECA Che dedichiamo alle FAMIGLIE ITALIANE, raccolti in bei volumetti, a mitissimo prezzo, i tesori della patria letteratura e di quella de' popoli più inciviliti, a sludio di cooperare allo incremento della nostra; pronti a non risparmiare nè fatiche, nè spese onde ottenere dagli ingegni più atti a far bene, quelle opere di cui si ravvisi lacuna nelle nostre lettere e che possano tornare più adatte ai bisogni de’tempi.

La penisola ci sarà in quest'impresa cortese di quell'appoggio che è prima condizione di vita a pubblicazioni di tanta importanza? Il bisogno di universale istruzione, gli intendimenti nostri nello accingerci a questa raccolta, ci danno cagione di bene sperare.

Mentre aspettiamo dal pubblico favore incoraggiamento a dotare la nostra BIBLIOTECA

« ÖncekiDevam »