Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]
[merged small][ocr errors][merged small]

1 8 2 2.

[ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors]

A CHI LEGGE.

Assai

ssai modeste furon le brame di chi compilo quest' operetta destinata principalmente alla libera gioventù Grigione. Istradarla alla lettura di Dante e del Machiavelli ; accennarle i costumi, le gesta, gli errori e le virtù degl' Italiani del medio evo; invogliarla a fare in appresso degli studj ancora più esatti sopra questa importantissima parte della storia ; insegnarle a riporre il sommo bene del cittadino in una libertà regolata da savie leggi; incitarla ad odiar la tirannide, a starsi sempre in guardia dalla prepotenza de' inagnati, a deridere le astuzie de preti, a sprezzare le arti dei demagoghi - ecco quello che mi sono studiato di ottenere col metterle in mano il presente libricciuolo, ch'altro non contiene che

Liberi sensi in semplici parole. Non vi sarà forse alcuno, il quale di me più vivamente desideri, che all'Italia fosse già toccato in sorte un qualche storico da pareggiarsi al di. vino serittore delle storie fiorentine. Quanto allora non sarei stato pago di stenderne un compendio ragionato, o d'assister pure alla ristampa d'un libro

ܪ

altrove probabilmente sotto severe pene proibi Ma il rio servaggio di tre secoli non osó, né ser produrre una storia italiana degna di tal non

scevra di menzogne, di adulazioni, e di timoi ' atta a consolare alquanto gli oppressi colla maest: dell' arte, e col consecrare alla eternità i pian che mal reprimono nel cuor profondo, e le lo speranze, che non ancora svanite, dettarono l'Alfieri quel verso minaccioso:

Servi siam, sì; mà servi ognor frementi! Laonde a me altro non restava, che d'intrapre dere quello, che ora presento a' miei concittadir grigioni, pubblico assai ristretto, gli è vero, mi libero almeno. Mi misi quindi a svolgere la gra raccolta del Muratori, gli Annali e le Antichit del medesimo, facendo insieme il debito uso d quante opere spettanti al mio argomento pote procacciarini , e sono nominatamente : Lupi Codic diplomatico di Bergamo, dal cui secondo volume in Germania ancora ignoto, furon tratte varie pel legrine notizie sulla lega lombarda ; Fumagalli Antichità longobardo-milanesi ; Codice diplomatico e istituzioni diplomatiche del medesimo; la Cronica veneta del cosi detto Gio. Sagornino, Foscarini, Marino, Cori, Machiavelli, Tiraboschi, Bettinelli, Napoli-Signo. relli, Denina, Pignotti, Verci, Storia degli Ecelini; Sismondi, ecc. De' nostri consul

tai Gio. Muller, Schlosser, Savigny, Voigt, Vita di Gregorio VII; Storia della lega lombarda; Kortum, Vita di Federigo Barbarossa; Funk, Vita di Federigo II; Menzel, ecc. Or dalla composizione di elementi si diversi nacque una disuguaglianza di stile troppo sensibile ad ogni colto Italiano, ma di poco o niun discapito per i miei lettori tedeschi e romanzi. L'aver poi voluto dare delle semplici Cronichette, somi glianti in parecchj sisguardi à quelle del tempo ch'esse abbracciang, mi lasciò in piena libertà d'inserirvi aneddoti, e parlate, non troppo convenienti alle rigide leggi della storia moderna, alle quali la mia farragine non avea voglia di sottoporsi, mentre s'appagava d'una certą vivacità, e del non perder mai di vista il fine suaccennato.

Quantunque ormai lontano per sempre da voi, carissimi giovanetti, spero d'avervi ancora giovato!

Ma nessuno per certo mi vieterà di rivolgere spesso il desioso sguardo sovra di voi, già mia speranza e dolce cura. Fate si, che la felice vostra patria resti la tranquilla sede insieme, l'asilo della libertà! Nè alcun sacrifizio da farsi

per essa possa mai parervi troppo gravoso!

ZURIGO, 10 Giugno 1820.

e

GIO. GASPARO ORELLI.

« ÖncekiDevam »