Nuova antologia di scienze, lettere ed arti, 33. cilt

Ön Kapak
Direzione della Nuova Antologia, 1876

Kitabın içinden

Kullanıcılar ne diyor? - Eleştiri yazın

Her zamanki yerlerde hiçbir eleştiri bulamadık.

Diğer baskılar - Tümünü görüntüle

Sık kullanılan terimler ve kelime öbekleri

Popüler pasajlar

Sayfa 711 - Levava gli occhi miei bagnati in pianti, E vedea che parean pioggia di manna Gli Angeli che tornavan suso in cielo, Ed una nuvoletta avean davanti, Dopo la qual gridavan tutti Osanna; E s'altro avesser detto, a voi direlo. Allor diceva Amor: più non ti celo; Vieni a veder nostra donna che giace. L' immaginar fallace Mi condusse a veder mia donna morta; E quando t'avea scorta, Vedea che donne la covrian d...
Sayfa 595 - Ben sento, In noi di cari inganni, Non che la speme, il desiderio è spento. Posa per sempre. Assai Palpitasti. Non vai cosa nessuna I moti tuoi, né di sospiri è degna La terra. Amaro e noia La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
Sayfa 721 - Sempre caro mi fu quest' ermo colle , E questa siepe, che da tanta parte Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi e profondissima quiete 10 nel pensier mi fingo; ove per poco 11 cor non si spaura. E come il vento Odo stormir tra queste piante, io quello Infinito silenzio a questa voce Vo comparando: e mi sovvien l'eterno, E le morte stagioni, e la presente E viva, e il suon di lei. Così tra questa Immensità s'annega il...
Sayfa 721 - L'INFINITO. Sempre caro mi fu quest'ermo colle, E questa siepe, che da tanta parte Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete 10 nel pensier mi fingo; ove per poco 11 cor non si spaura. E come il vento Odo stormir tra queste piante, io quello Infinito silenzio a questa voce Vo comparando: e mi sovvien l'eterno, E le morte stagioni, e la presente E viva, e il suon di lei. Così tra questa Immensità...
Sayfa 703 - Io mi son un che, quando Amore spira, noto, ed a quel modo Che detta dentro, vo significando. O frate, issa vegg...
Sayfa 24 - ... gente, Quanta or ne viene per mare e per terra: Marte la spada sanguinosa afferra, E fulminando va verso Oriente. Lucca, Pisa, Firenze, Siena e Roma, Senza colpo di spada e di saetta, Le spalle han posto sotto grave soma. Non dormir più, Leon, se ti diletta Cinger di verde allor l'aurata chioma, Che mal provvede al mal chi troppo aspetta.
Sayfa 764 - Non mi pigli per un assassino, signore; non mi pigli per un orno disonorato.... Bisognerebbe saperle tutte, bisognerebbe.... La faccia l'avrò brutta, ma me l'hanno fatta diventar loro... E ho voluto tanto bene a tanti ! E chi chiedeva un piacere a quest'assassino lo veniva a conoscere se dentro a queste cestole c'era qualcosa....
Sayfa 704 - Non ha l'ottimo artista * alcun concetto, Ch'un marmo solo in sé non circoscriva Col suo soverchio, e solo a quello arriva La man che ubbidisce all'intelletto.
Sayfa 763 - ... una dozzina di libbre di pesce fra lucci, tinche e anguille, quando, non sapendo dove trovare chi mi indicasse il canale traverso, mi alzai in piedi per vedere se potevo scorgere anima viva da domandarglielo . .. — Che ci ha una pipata di tabacco? A quella voce che si partiva da un folto cespuglio di salci, mi scossi quasi impaurito e, voltomi indietro, vidi una figura semiselvaggia, che, mostrandomi una pipa spenta, aspettava la mia risposta. — Tabacco non ne ho — risposi.

Kaynakça bilgileri