Sayfadaki görseller
PDF
ePub

Ital 8581.54

HARVARD COLLEGE LIBRARY

[graphic]

THIS VOLUME IS FROM

THE LIBRARY OF

GAMALIEL BRADFORD VI,

[ocr errors]

1863–1932, BIOGRAPHER AND ESSAYIST,
GIVEN BY HELEN F. BRADFORD

MAY 24, 1942

[ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]

In sul cominciare del secolo decimonono due scuole diverse si contendevano il campo dell'italiana poesia. Invaghita l'una della mirabile forma degli antichi, non considerava nelle cose altro che il lato poetico di esse, e indifferente quanto alla sostanza de' soggetti, si accendeva facilmente per tutti quelli che sperava si potessero acconciamente vestire di quell'antica leggiadria. Per essa la poesia non era una delle più grandi manifestazioni dell'umano pensiero, ma un'arte che solo doveva avere lo scopo di piacere altrui colla lezza del forme e del colorito, senza curarsi di alcun profondo morale concetto, senza rivelare la coscienza del poeta e dei tempi.

L'altra invece, rifuggendo dalla gaiezza e dalla vivacità di tempi che più non erano , pareva che più non sentisse la poesia, un giorno così potente, della esteriore bellezza, ma, guidata da una nuova

[ocr errors][merged small][ocr errors][merged small]

Quando l'Italia moderna usci dalla notte del medio evo, la sua filosofia, educata nei monasteri e nei templi, aveva riunito le dottrine platoniche colla teologia cristiana, ed allora la poesia fu platonica e religiosa con Dante, col Petrarca e col Tasso. Si volsero quindi gl'intelletti all'esperienza, non più contenti all'autorità di Platone, di Aristotile e dei più moderni maestri; interrogarono la natura e i fenomeni di lei per iscoprire le leggi che la governavano, e il metodo sperimentale passò dalle scienze naturali alle intellettive e creò il Sensismo; e la poesia al mondo sensibile si rivolse, e nelle opere degli antichi poeti più non si fece a ricercare che quanto di sensibile vi era, cioè la forma e la bellezza esteriore. Ma ben presto si accorsero le menti che il Sensismo non era capace di sciogliere alcuno dei grandi problemi intorno ai quali si affatico in ogni tempo il pensiero dell'uinanità, e fuori della materia cercarono la spiega. zione di quelli per due vie diverse ; l'una delle quali conduce al riposo dello spirito nel vero rivelato; l'altra guida al dubbio e allo sconforto dell'intelligenza che dispera di trovare quell' unico oggetto in cui possa acquetarsi: la verità cioè, che ne è la propria essenza. E tali due vie percorse anch'essa la poesia, e ne uscirono due scuole, l'una ispirata dalla religione, l'altra dallo scetticismo e dal dolore.

A quest'ultima appartiene Giacomo Leopardi ; benchè per l'altezza dell'ingegno suo possa dirsi piuttosto una grande individualità solitaria che , pure in sè riunendo il pensiero di una gran parte dell'età sua, s'innalza gigantescamente sovr'essa e

ane

niusa , la Malinconia, tutta si concentrasse in sè medesima, ascoltando attentamente le segrete voci del cuore, il sommesso fremito delle anime che sentivano i dolori del presente e cercavano lanti di scoprire i misteri dell'avvenire. Era la prima l'estremo canto di un'età giovane e spensierata che si era lanciata nelle braccia della sensibile natura , come in quelle d'un amante, ed aveva sulla sua lira celebrato le vaghe sembianze dell'amor suo e l'ebbrezza dei giovanili abbracciamenti: era la seconda il pensiero dell'età matura che cessava dagl'impeti focosi e, mutatasi in severa meditazione, riandava il passato, studiava il presente e si lanciava nel futuro in traccia di una luce novella , poichè le terribili vicende che scossero l'umanità in sul finire del passato secolo pareva che avessero spento ogni luce anteriore. E questa, poiché era la voce dei tempi e la coscienza di un'età adulta, rimase l'unica signora del campo ed invano si ricercherebbe oggidì presso le più colte nazioni d'Europa altra poesia che quella la quale sgorga dal seno della meditazione, e l'imma. ginazione e la fantasia rivolge a rivelare l'interna lotta dell'uomo, la tremenda battaglia dell'intelligenza colla materia, dello spirito, che sente il bisogno dell'assoluto, col finito, che da ogni parte il circonda.

La poesia e la filosofia derivano dalla medesima fonte, cioè dall'umano pensiero che cerca di spiegare sè medesimo e quanto è soggetto alle sue cognizioni. Sintetica la prima, analitica la seconda, camminano di pari passo nel succedersi delle età e sempre si vestono di uniformi sembianze.

« ÖncekiDevam »