Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[blocks in formation]
[blocks in formation]

I fratelli Crostarosa proprietari del periodico GLI STUDI IN ITALIA avendo compiute le formalità prescritte dalla legge sulla stampa, dichiarano di riserbarsi il diritto d'autore por tutti gli articoli pubblicati.

SULLA PSICOMETRIA

PRIMA LETTERA AD UN AMICO FILOSOFO

Un gran rivolgimento e tramestio si opera oggi, mio dotto ed illustre Amico, nella filosofia. Non più metafisica, ma scienze « che alcuni chiamano naturali, altri positive, ma ch'io chiedo licenza di chiamar, per più precisione, materiali » direbbe Cesare Balbo (Della storia d'Italia. Sommario, ediz. 4.° Losanna, 1848, lib. 2°, età 24, 24). Non più dottrina dell'invisibile e dell'astratto ma studio del palpabile e concreto. Alla spiritualità è successa la materialità, al sillogismo il calcolo, ed il compasso. Al metodo della coscienza, psicologico, automatico, intropezionista, è stato sostituito il metodo d'osservazione esterna, frenologico, oggettivo. Alle facoltà dell'anima furono surrogate cellule ganglioniche, bernoccoli, bugni, regioni, lobi, solchi, circumvoluzioni, zone, anfrattuosità, protuberanze cerebrali. Il peso, la grandezza, la disposizione del cervello e del cervelletto ecc. ecc. giudicano dello sviluppo mentale. All'antropologia è subentrata la zoologia, alla psicologia la psicogenia, la psicofisica, la psicometria, il fisiologismo, la fisica dell'anima. Poco fa psiche, atti e funzioni psichiche ritenevansi come incapaci di sottoporsi a numeri e misure. Ora, il cervello e le sensazioni misurano l'intelligenza, l'eccitazioni, l'impressioni e i motori estrinsesi misurano le sensazioni.

La rivolta generale della materia contro lo spirito, del sensibile contro l'insensibile, comincid, ed Ella può insegnarmelo, per opera sommamente del Hobbes, del Helvetius, del Lamettrio del Cabanis, del Gall prima del presente secolo; in questo poi vi

si resero celebri e coi sistemi del darvinismo, positivismo, evoluzionismo, fisiologismo, frenologismo, sensualismo, materialismo monismo, combatterono per la medesima causa Darwin, Comte, Feuerbach, Littré, J. e S. Mill, W. Hamilton, Löventhal, Czolbe, Maudsley, Bain, Spencer, Vogt, Büchner, Moleschott, Broca, Tupinard, Laugel, Haechel, Huschke, Huxley, Lewes, Soury, Ueberweg, Herzen, Ribot, Wundt, Sully, Romanes, Grant Allen, Delboeuf, Ardigo, per tacere di tanti altri. Di quelli poi che exprofesso trattarono della misura dei fenomeni psichici e fecero della psicologia una fisica dell'anima io ne trovo un buon numero e mi limito a citare i nomi del Weber, Fechner, Exner, Hipp, Herzen, Hermann, Budge, Ribot, Wundt, Marey, Du-Bois-Reymond, Helmotz, Donders, Schiff e, per tralasciar molti altri, i due che ne hanno scritto ultimamente, J. Delboeuf, (Eléments de psichophysique génerale, et spéciale, Paris, 1883) e G. Buccola (La legge del tempo nei fenomeni del pensiero. Saygio di psicologia sperimentale. Milano, 1883).

In quanto a sistema filosofico, dotto e riverito mio Amico, sonomi già deciso ed ho sposato lo spiritualismo; lo spiritualismo, intendasi bene, che mentre combatte per la psiche non dimentica il corpo; vale a dire ho sposato quel sistema che fa sorger l'uomo dall' anima e dal corpo essenzialmente diversi e sostanzialmente congiunti e che d' ambedue quelle sostanze mantiene i diritti e i doveri. Perciò, finchè avrò vita e forza farò mio compito di guardar l'umana psiche dagli assalti dei materialisti, fisiopsicologi, positivisti, psicometri. Non già che io nutra odio per questi scienziati e filosofi; chè sono o furono uomini di molto studio, dotti e coltissimi e in quanto tali io li stimo, ed amo assaissimo, come sono amico del Mamiani, acuto e profondo spiritualista, quantunque non mi sappia accordare col suo ontologismo. Però, sembrando a me che lo spiritualismo s' apponga al vero, mi studiero, nel corso degli anni miei, di vendicare la psiche dalle erronee teoriche del nuovo indirizzo scientifico, di mantenerne intatte ed illibate le attività e funzioni.

Ma il campo è largo e la messe immensa; e chi non prende a guardarlo punto per punto e poco alla volta rischia di smarrir. visi e tenta forse cosa vana. Ond'io in questa mia prima limitero il discorso ad esminare se le sensazioni possano misurarsi e riJuris a cifre e formole, come pretendono.

« ÖncekiDevam »