Sayfadaki görseller
PDF

s/ Iacopone Da Todi, 1230-1306

Nunzio

Donna del Paradiso,
il tuo figliolo è priso, Iesu Cristo beato.
Accorri, Donna, e vide che la gente l'allide:
credo che lo s' occide, tanto l' han flagellato.

Vergine

Como essere purria, chè non fe' mai follia,

Cristo, la spene mia, om l'avesse pigliato?

Nunzio

Madonna, ell' è traduto: Iuda si 1' ha venduto;

trenta dinar n' ha 'vuto, fatto n' ha gran mercato.

Vergine

Sucori, Maddalena, ionta m'è adosso pena:

Cristo figlio se mena como m' è annunziato.

Nunzio

Succuri, donna, aiuta, ch' al tuo figlio se sputa,

e la gente lo muta: hanlo dato a Pilato.

Vergine

O Pilato, non fare 'l figlio mio tormentare:

ch' io te posso mostrare como a torto è accusato.

Turba

Crucm', crucifige! Omo che se fa rege,

secondo nostra lege contradice al senato.

Vergine

Prego che m' entennate, nel mio dolor pensate:

forsa mo ve mutate de quel ch' ete parlato.

Nunzio

Traggon fuor li ladroni, che sian sui compagnoni. Iacopone Da Ton, 1230-1306

Herald

LADY of Paradise,
Thy son a captive lies, Christ Jesus blest!
Run, Lady, run and see, they smite Him cruelly,
Dead He must surely be, they scourge Him without rest!

Virgin

Nay, how can this be so, Who doth not evil know,

Christ, my hope here below, by mortals sore-distressed?

Herald

Madonna, now behold, betrayed He is and sold;

For thirty pieces told Judas hath lined his nest.

Virgin

O Magdalene, speed, speed, grief burdeneth me indeed,

Christ mine own son they lead as 'twas to me confessed!

Herald

Madonna, speed for grace, they spit upon His face

And torture Him apace; to Pilate He is pressed.

Virgin

O Pilate, not by thee, tormented let Him be;

He shall be proved by me most wrongfully oppressed.

Crowd

Crucify Him, crucify! Who raised Himself on high

The senate doth defy; so is our law confessed!

Virgin

Nay lend your ears again and muse upon my pain,

Haply you may be fain to change what you professed.

Herald

The thieves dragged hither see to bear Him company!

Turba

De spine se coroni! chè rege s' è chiamato

Vergine

O figlio, figlio, figlio! figlio, amoroso giglio,

figlio, chi dà consiglio al cor mio angustiato?

figlio, occhi giocondi, figlio, co non respondi? figlio, perchè t'ascondi dal petto ove se' lattato?

Nunzio

Madonna, ecco la cruce, che la gente l' aduce,

ove la vera luce dèi essere levato.

Vergine

O croce, che farai? el figlio mio torrai?

e che ci aponerai, chè non ha en sè peccato?

Nunzio

Succurri, piena de doglia, che 'l tuo fìgliuol se spoglia;

e la gente par che voglia che sia en croce chiavato.

Vergine

Se glie tollete 'l vestire, lassatemel vedire

come 'l crudel ferire tutto l'ha 'nsanguinato.

Nunzio

Donna, la man gli è presa e nella croce gli è stesa,
con un bollon gli è fesa, tanto ci l' on ficcato!
L'altra mano se prende, nella croce se stande,
e lo dolor s'accende, che più è multiplicato.
Donna, li piè se prenno e chiavellanse al lenno,
orme iuntura aprenno tutto l'han desnodato.

Crowd

Crowned with thorns let be who made a royal quest!

Virgin

O son, O son of mine, O lily-flower divine,

O son, whence shall a sign come to my heart distressed?

O son, O happy-eyed, why hush Thee in such wise?

And why Thyself disguise before Thy mother's breast?

Herald

Lady, the cross is nigh, the people bear it by,

Where the true light doth lie, there shall it rear its crest.

Virgin

O cross, what doest, say? my son would'st steal away?

Who then with us shall stay, like Him so wholly blest?

Herald

O mournful one, run where thy son hath been stripped bare,

To nail Him they would dare unto the cross to rest.

Virgin

Despoiling Him, ah me, His body let me see,

From His wounds cruelly His blood hath been outpressed.

Herald

Woman, one hand is laid upon the cross and stayed;
With a great nail fast-made, for they did strike their best;
The other hand they hold upon the cross unrolled,
While anguish all untold is kindled in His breast.
Woman, see even now His feet are nailed; ah, how
His limbs are wrenched, I trow to meet the awful test!

Vergine

Ed io comencio el corrotto: Figliolo, mio deporto, figlio, chi me t'ha morto, figlio mio delicato? Meglio averien fatto che 'l cor m'avesser tratto, che nella croce tratto, starce desciliato.

Cristo

Mamma, o' sei venuta? mortal me dai feruta,

chè 'l tuo pianger me stuta, chè 'l veggio sì afferrato.

Vergine

Piagno che m'aggio anvito figlio, patte e marito: figlio, chi t' ha ferito? figlio, chi t' ha spogliato?

Cristo

Mamma, perchè te lagni? voglio che tu remagni,

che serve i miei compagni ch' al mondo aggio acquistato.

Vergine

Figlio, questo non dire, voglio teco morire,
voglio teco partire, fin che mo m'esce 'l fiato.
Ch' una aggiam sepultura, figlio de mamma scura,
trovarse en afirantura matte e figlio affogato!

Cristo

Mamma, col core afHetto, entro a le man te metto
de Ioanne mio eletto; sia el tuo figlio appellato.
Ioanne, esta mia mate, tollela en cantate:
aggine pietate, ch' ha lo core forato.

Vergine

Figlio, l' alma t'è uscita, figlio de la smarrita, figlio de la sparita, figlio mio attossicato!

« ÖncekiDevam »