Sayfadaki görseller
PDF

volga la vista disi'osa e lieta,
cercandomi; ed, o pièta!
già terra infra le pietre
vedendo, Amor l'inspiri
in guisa che sospiri
sì dolcemente che mercè m'impetre
e faccia forza al cielo,
asciugandosi gli occhi col bel velo.

Da' be' rami scendea, (dolce nella memoria) una pioggia di fior sovra 'l suo grembo; ed ella si sedea umile in tanta gloria, coverta già dell' amoroso nembo. Qual fior cadea sul lembo, qual su le treccie bionde, ch' oro forbito e perle eran quel di a vederle; qual si posava in terra, e qual su l' onde; qual con un vago errore girando parea dir: "Qui regna Amore."

Quante volte diss' io allot pien di spavento: "Costei per fermo nacque in paradiso!" Così carco d' oblio il divin portamento e 'l volto e le parole e 'l dolce riso m' aveano, e sì diviso da l' imagine vera, ch' i' dicea sospirando: "Qui come venn' io, o quando?"

To seek me with glad, eager eyes,
And, seeing me dust to dust again
Amid the stones, may waft her sighs
To Heaven for mercy and, by Love
Inspired, may with such kindness pray
On my behalf that up above
No heart there be to say her nay,
Whilst with her lovely veil she dries
The tears that well into her eyes.

Gratefully I mind me how
On her bosom showered down
Petals from a flowering bough;
Some were folded in her gown,
Some fell on those tresses pale,
Like to pearls and burnished gold;
Some upon the stream did sail;
Some were gathered in earth's hold;
Some the breezes bore around:
"Love reigns here," they seemed to say,
Whilst she, whom Love's halo crowned,
I beheld upon that day
In all meekness seated there,
Of her glory unaware.

With a sudden terror cowed, Often to myself I said: "She is unto Heaven vowed!" When forgetfulness was bred In me by her godly grace, By the music of her mirth, Her words, the vision of her face, I thought I was no more on earth And, spirited so far away From common things, I did complain: "How came I here and on what day?" Credendo esser in ciel, non là dov' era.

Da indi in qua mi piace

quest' erba sì, eh' altrove non ho pace.

Se tu avessi ornamenti quant' hai voglia, porresti arditamente uscir del bosco, e gir infra la gente.

Di pensier in pensier, di monte in monte mi guida Amor; ch' ogni segnato calle provo contrario a la tranquilla vita. Se 'n solitaria piaggia rivo o fonte, se 'n fra duo poggi siede ombrosa valle, ivi s' acqueta l' alma sbigottita; e, come Amor l' envita, or ride or piange, or teme or s' assecura; e 'l volto, che lei segue ov' ella il mena, si turba e rasserena, et in un esser picciol tempo dura; onde a la vista uom di tal vita experto diria: "Questo arde e di suo stato è incerto."

Per alti monti e per selve aspre trovo qualche riposo; ogni abitato loco è nemico mortal degli occhi miei. A ciascun passo nasce un penser novo de la mia donna, che sovente in gioco gira 'l tormento ch' io porto per lei; et a pena vorrei

cangiar questo mio viver dolce amaro, ch' i' dico: "Forse anco ti serva Amore ad un tempo migliore;

In these green meadows I remain
Since then, it pleaseth me so best,
For here alone my heart hath rest.

If thou, O Song, were richly pearled
As matcheth thy desire,
From thy retreat unto the world
Boldly thou could'st aspire!

[ocr errors]

ROM thought to thought, from hill to hill,

Love for ever is my guide;
The trodden pathway leadeth still
From haunts of quietude aside;
On solitary shore and by
A fountain or a running stream,
In valleys where the hill-shades lie,
My sorely troubled soul may dream,
As Love dictates, may laugh or weep,
May fear or count itself secure,
Compose the face for strife or sleep
And never in one mood endure;
Till he would say, who knows such state:
"He loves, uncertain of his fate."
On lofty peaks, in forest drear,
I take my rest but needs must flee
The haunts of men, for these I fear,
And have in mortal enmity.
At every step a whim is born
That doth regard my Lady fair,
Full often I in jest have worn
The torments which for her I bear;
And yet I would not change my ways
That are so bitter and so sweet,
"Since Love may cherish happier days
For thy delight," I oft repeat,

forse, a te stesso vile, altrui se' caro ";

et in questa trapasso sospirando:

"Or potrebbe esser vero? or come? or quando?:

Ove porge ombra un pino alto od un colle, talor m' arresto, e pur nel primo sasso disegno co la mente il suo bel viso. Poi ch' a me torno, trovo il petto molle de la pietate; et allor dico: "Ahi lasso, dove se' giunto, et onde se' diviso!" Ma, mentre tener fiso posso al primo pensier la mente vaga e mirar lei et obliar me stesso, sento Amor sì da presso, che del suo proprio error l' alma s' appaga: in tante parti e sì bella la veggio, che, se l' error durasse, altro non cheggio.

I' l' ho più volte (or chi fia che m'il creda ?) ne l' acqua chiara e sopra l' erba verde veduto viva, e nel troncon d' un faggio, e 'n bianca nube, sì fatta che Leda avria ben detto che sua figlia perde, come stella che 'l sol copre co 'l raggio; e quanto in più selvaggio loco mi trovo e 'n più deserto lido, tanto più bella il mio pensier l' adombra; poi, quando il vero sgombra quel dolce error, pur l1 medesmo assido

« ÖncekiDevam »