Il fiore della poesia italiana: del secolo XVIII, preceduto da alcune notizie istoriche de poeti, che lo compongono, 1. cilt

Ön Kapak
presso l'autore, 1802

Kitabın içinden

Kullanıcılar ne diyor? - Eleştiri yazın

Her zamanki yerlerde hiçbir eleştiri bulamadık.

Seçilmiş sayfalar

Diğer baskılar - Tümünü görüntüle

Sık kullanılan terimler ve kelime öbekleri

Popüler pasajlar

Sayfa ii - Italia, Italia, o tu cui feo la sorte Dono infelice di bellezza, ond' hai Funesta dote d'infiniti guai Che in fronte scritti per gran doglia porte; Deh fossi tu men bella, o almen più forte, Onde assai più ti paventasse, o assai T'amasse men chi del tuo bello ai rai Par che si strugga, e pur ti sfida a morte!
Sayfa 52 - O sotto un faggio Io ti ritrovi, Al caldo raggio Di bianco ciel, Mentre il pensoso Occhio non movi Dal frettoloso Noto ruscel ; O che ti piaccia Di dolce luna L'argentea faccia Amoreggiar ; Quando nel petto La notte bruna Stilla il diletto Del meditar : Non rimarrai, No, tutta sola ; Me ti vedrai Sempre vicin. Oh come è bello Quel di viola Tuo manto, e quello Sparso tuo crin ! Più dell' attorta Chioma e del manto, Che roseo porta La dea d...
Sayfa 99 - Un sospir dell' idol mio, Che mi dice: 'Tornerà.' Ah ! ch'è il suon del rio che frange Tra quei sassi il fresco umor, E non mormora, ma piange Per pietà del mio dolor. Ma se torna, vano e tardo II ritorno, oh dei ! sarà; Chè pietoso il dolce sguardo Sul mio cener piangerà.
Sayfa 77 - Le torbide pupille intorno mosse, piene di meraviglia e di spavento, e palpitando addimandò chi fosse lui, che pendeva insanguinato e spento. Come lo seppe, alla rugosa fronte, al crin canuto, ed alle guance smorte, colla pentita man fé
Sayfa 85 - A Bacco, all'Amicizia sacro i venturi giorni. Cadano i mirti; e s'orni d'ellera il misto crin. Che fai su questa cetera, corda che amor sonasti? Male al tenor contrasti del novo mio piacer. Or di cantar dilettami tra' miei giocondi amici, auguri a lor felici versando dal bicchier.
Sayfa 51 - Melanconia, Ninfa gentile, La vita mia Consegno a te. I tuoi piaceri Chi tiene a vile, Ai piacer veri Nato non è. O...
Sayfa iii - Né te vedrei, del non tuo ferro cinta, Pugnar col braccio di straniere genti , Per servir sempre o vincitrice o vinta.
Sayfa 17 - I bei lumi aprire al giorno, E cercar lo sposo intorno, Di trovarlo incerta ancor; E poi schiudere il sorriso E le molli parolette Fra le grazie ingenue e schiette De la brama e del pudor.
Sayfa 85 - Se già di mirti teneri Colsi mia parte in Gnido, Lasciamo che a quel lido Vada con altri Amor. Volgan le spalle candide, Volgano a me le Belle : Ogni piacer con elle Non se ne parte alfin. A Bacco, ali' Amicizia Sacro i venturi giorni.
Sayfa 122 - Gentile, morbida, leggiadra mano, cui fer le proprie mani d'Amore, più dell'avorio candida e tersa, sparsa di varie pozzette molli, le cui flessibili, lunghette dita dolce assottigliano in unghie vaghe, arcate, lucide, rubicondette; distesa appressati al palpitante cor mio che cenere farsi già sento: potrà resistere del caro sguardo allora ai fervidi raggi, onde fiamme soavi scendono, ma troppo ardenti.

Kaynakça bilgileri