Sayfadaki görseller
PDF
ePub

Chi mi parla di quella;
Che da sè lungi, ahi misero! mi tiene!
Un pastor, che da lei
Venisse, fora un prence agli occhi miei.

In un nero deserto

Perchè non posso un giorno
Esser dannato a errar con piede incerlo,
E in quello ad ora ad ora
Volgendo il guardo intorno ,
Trovare alfin colei che m'innamora ?
A me quel caro viso
Cangerebbe il deserto in paradiso.

PIETRO ROGIERS.

Simili a quelle d'Arnaldo di Marveil furon le vicende amorose di Pietro Rogiers, uno dei due Pietri nominati dal Petrarca nell'enumerazione dei poeti provenzali. Sua patria fu l'Avernia, dov'egli nacque da nobili parenti. Destinato da questi allo stato ecclesiastico fu canonico di Clermont; ma ben presto fattosi di canonico Trovatore andò a Narbona antica e nobil città, di cui era Signora Ermengarda, donna, dice l'Abate Millot, che ai talenti d'un politico univa il valore d'un cavaliere , ed alla bellezza l'amabilità, la grazia e lo spiri

ch'e

to. Ella accolse assai bene il Trovatore, ne gradi gli ornaggi poetici ed anche i teneri sentimenti d'amore , dal quale s'accorse, rano ispirati . Gli occhi sempre vigili de' cortigiani non tardarono a scoprire il segreto amoroso, e si cominciò quindi a parlarne così liberamente, che Ermengarda si trovò obbligata ad allontanar da Narbona il poeta. Egli si rifugiò ad Oranges, e vi fu ben accolto da Rambaldo, Signore di quella città ed anch'egli Trovatore, Lungi colà da Ermengarda, come già Arnaldo da Adelaide, cantò i suoi disgraziati amori con canzone pubblicata dal Millot in prosa francese, dalla quale io l' ho tradotta col seguente

و

una

SONETTO.

Che per cure d'Amor, pianto, tormento

Uomo non more io provo ora in me stesso;
E poi ch'io vivo, Andrea di Francia anch'esso

Dagli amorosi affanni non fu spento.
Non martire giammai , dal pentimento
Non vinto peccator quel fiero eccesso
Di duol senti, ch' io dalla grave oppresso

Soma de'mali miei, misero! or sento.
Presso la bella donna, che in sè i pregi

Più rari accoglie, come i fiumi il mare
Deh! traess; io vil servo i giorpi miei!

[ocr errors]

Allor lo stato mio con quel de Regi

Più chiari al mondo non vorrei cangiare, Ma sempre un degli schiavi esser di lei.

FOLCHETTO DA MARSIGLIA.

Fu già un ricco mercatante Genovese chia. mato Alfonso , il quale da Genova passato a Marsiglia vi fissò sua dimora e molto accrebbe col commercio le sue ricchezze . Di lui nacque in quella città Folchetto, che fu per ciò denominato Folehetto da Marsiglia. Morto il padre, egli avrebbe potuto o accrescerne ancora le ricchezze col commercio o goderne lietamente la pingue eredità nel dolce ozio d'una vita privata. Ma nè per l' uno nè per l' altro modo egli sårebbe giunto a quella fa

alla quale il suo fervido ingegno lo faseva ardentemente aspirare. Per ottenerla egli deliberò d' entrar nelle corti de' gran Signori, e vedendo che in quelle eran molto onorati i poeti , volse l'animo agli studi loro , ed abbracciò la professione di Trovatore. E non fu egli nella sua aspettazione ingannato; poichè, come dice il Nostradama, su assai grato a Ricardo Re d’Inghilterra, a Raimondo Conte di Tolosa e a Beralo di Marsiglia suo signore e padrone, della cui moglie Adelasia egli da buon trovatore s'innamorò; se pur reali furon queste passioni di tanti poeti provenzali per le mogli de' Signori ; di che parmi che

ma,

possa con ragion dubitare.

Checchè ne sia, Folchetto con molte rime , sempre però con nomi finti, cantò i suoi amori per Adelasia , ed io darò qui sotto due saggi de' suoi canti da me trasportati dalla prosa francese dell'Abate Millot alla poesia italiana.

Ma la morte, che qua si nello stesso tempo segui di Beralo e Adelasia , dei Re d'Inghilterra e Castiglia e del conte di Tolosa, lo afflisser cosi fieramente, che disgustato degli studj e di tutte le cose terrene, abbandonò il mondo e si fe'monaco Cisterciense. Dopo breve tempo fu pe' suoi meriti eletto Abate del Monastero di Toronetto, ed in appresso Vescovo di Tolosa . Con uno zelo forse poco prudente molto perseguitò gli Albigesi ed unitosi ai Legati Pontifici, anche Raimondo VI conte di Tolosa e suo Signore. Finalmente nell'anno 1231 egli cessò di vivere tenuto da alcuni per uomo santo e pieno di zelo , da altri per un fanatico intollerante.

Ma venghiamo ai due saggi delle poesie di Folchetto, che ho promesso di offrire ai lettori.

و

SAGGIO I.

Men vezzoso d'Eurilla ah ! fosse il viso,

Men soave il parlar! Forse n'udrei
Gli accenti io senz' amarla, o ne vedrei

Il sembiante gentile e il dolce riso . L'amor audace che m'ha il cor conquiso

E i desir vani di mie fiamme rei
Io celo, perchè troppo e ognor da lei

Tiemmi l'umil mia sorte ohime ! diviso. Ma sella alline a me volgerà il guardo

Potrà negli occhi miei veder com' io

Tacitamente la vagheggio e n'ardo.
Sperar mi giova ed implorar pietate ;

Che non può questa aver disgiunta Iddio
Da tant' altre virtù ch'ha in lei locate.

[ocr errors]

Cerio s' ebbe il torto Amore
Quando venne nel mio core

?
E vi pose la sua sede
Senz' aver seco Mercede,
Che poteva temperare
O finir sue pene amare.
È un tormento Amor ben grave
Se Mercè seco non bave.

« ÖncekiDevam »