Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[ocr errors]
[ocr errors]

Non de' blasmar signor chi in lui ha spene ,
per compianto mostrarsi smarrito :
Che vanamente acquista folle e ardito
Chi per aina torna spene in casso .

Per lor scredenza a mal porto li pono ,
Poi mi convien che 'l lor mesdir discovra .
Si sente lor valore e forza povra
Lor ferma intenza in ben d'Amor non varga ,
Comechè di compianti fan tal tono
Che s' Amor non dispar , segno faraggio ,
Ed alli mái parlier mi torneraggio
Tanto sostien che sia sua voce larga
Ch' Amor può dir ciascun amante all' uomo
E senza lui , dich' io , non serea frutto ,
E se mal sente vince con gioi tutto
Se ď amoroso bene aggiun sol mico
Come sorvince lambra mirra e spico
Di fine odor cosa vantata a fomo .

Follo è ciascun , che non avvisa scampo 've molestia informa si percuote Non tocchi corda chi non sa le note , Che non lavora dritto chi mal piomba . Chi non è tal ď Amor , ch' attenda scampo Cor non il pensi , l' il dica il polmo Voler salir , poi è 'nviscato ľ olmo Che Amor di visco ciascun ramo allomba Che non li val , poichè preso lo scembia tort a fare ond' abbia in grido scoppo, Com' a tagliuola distiensi lo toppo ; E poi che vede che lor male incende E la potenza d' Amor non so arrende Bene sia folle tale amante sembia .

Ma se dir voglio incontra 'nvea e farla Wer li nojosi , che lor arma porto ,

[ocr errors]

Che spesso tollon di fin amar conforto
Gente nojosa , per voi non m'ascondo
Ma con li fini amanti allor secondo
A cor di sua valenza non contradiarla.

Amante adunque morbio si gastighi .
Non dica ďAmor fallo , e non l' asperna
Avanti che s' appigli a lui discerna
Sua costumanza , e non il stia superbio ;
Contra lui vil è orgoglio , come cerbio ;
Core non è , ch' Amor nol vinca e pieghi .

NOTIZIE STORICHE D' ALCUNI POETI

CHE FIORIRONO VERSO IL MCCXC. F

rancesco da Barberino figliuolo di Neri di Rinuccio da Barberino di Valdelsa nacque l'anno ) 264 e fece i suoi stu:lj in Firenze sotto Ser Brunetto Latini : ne' quali tanto profitiò, che in età di ventisei anni cioè nel 1290. incominciò il famoso trattato in versi volgari de Documenti d'Amore . In esso riconoscesi quant' ei fosse eccellente filosofo , e la singolar fecondità , ch' ebbe nell' inventar metri e forine di canzoni non più usate in Toscana . Quest' opera è una delle più antiche memorie della volgar poesia Ultimamente per opera del Sig. Guglielmo Manzi insigne letterato , è stata publicata in Roma un'altra opera del Barberino, anche in versi volgari , denominata Del Reggimento, e de' Costumi delle Donne Fu celebre Oratore e buon professor di leggi : nelle quali nel 1313. si dottorė, o come allora dicevasi, si conventò, per ispezial breve di Clemente v. dato d' Avignone l' anno 8. del suo Pontificato : e fu il primo, che in Firenze avesse sì fatto onore : per lo quale ebbe il titolo di Giudice che anticamente valeva lo stesso , che oggi quel di Dottore . Ebbe due moglie, e da esse parecchi figliuoli , e fu assai onorato in Firenze ove visse : e dopo avervi esercitate con singolar prudenza e vantaggio della Republica diverse cariche, morì in età di anni 84. nel 1348. , e fu seppellito nella Chiesa di S. Croce , presso la Cappella de Castellani .

[ocr errors]
[ocr errors]

Gio

iovanni dell'Orto d'Arezzo fiori in tempo di M. Francesco da Barbering cioè intorno al 1290.

fu Giudice . Fa menzione di lui il Redi , appo il quale si conservano sue rime manoscritte : e dall' Editore Fiorentino sono cavate le rime in questa Raccolta riprodotte .

Giovanni Marotolo è collocato dall

' Editore Fio

rentino nel 1290 ; ed il medesimo ci dà le rime quì raccolte .

Graziuolo da Firenze fiori circa il 1290. Il suo

stile , secondo dice il Crescimbeni , è facile , e senza durezza e intralciamenti

intralciamenti , e per quello che allora correva di non poca grazia e dolcezza abbonda; e oltre a ciò fu purgatissimo nella lingua . Dall' Edizione Fiorentina è stato tolto il sonetto quì posto.

L apo

Saltarelli Fiorentino fu rimatore di non poeo grido , ed il Redi l' annovera fra quelli , che fiorirono al tempo di M. Francesco da Barberino . Nella Vaticana al cod. 32 13. vi sono alcuni sonetti di questo poeta , e l' Editore Fiorentino ci fornisce le Rime , che in questa Raccolta si riproducono .

Mino del Pavesajo d'Arezzo fu Poeta antico, e di lui favella il Redi , il quale conservava sue Rime : fiorì circa il 1290 .

Dall' Edizione Fiorentina sono state tratte le Rime in questa Raccolta riunite.

[ocr errors]

Ricco da Varlungo fu astrologo di professione

di quelli , che Geomanti si chiainano : fiori circa il 1290. a' tempi di Dante da Majano , a cui risponde col sonetto, che trovasi nella Raccolta del Giunta e che ora si riproduce .

è

R

iccuccio da Firenze poeta antico è creduto dal Crescimbeni lo stesso, che Ricco da Firenze; ma ľ Editore Fiorentino ne fa due persone diverse. Si sono riunite sotto l'istesso nome le poesie de' due per rendere più copiosa la presente Raccolta .

Ser Bello fiori secondo l' Editore Fiorentino al 1290. ed egli ci dà il sonetto quì riunito. Crescimbeni forse credelo più antico

denominandolo poeta antichissimo. Il Redi conservava sue Rime.

U

go

da Massa città dello stato di Siena fiori intorno all' anno 1290. secondo il Crescimbeni, e nel 1250, secondo l'Editore Fiorentino ; dalla cui Raccolta si sono cavate le Rime, che in questa si riuniscono.

Vol. II.

ccc

« ÖncekiDevam »