Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[ocr errors]

Così dimostra Amor buon sia fedele ,
Poi nulla pena tal è che mi senta
Che non m' allegri quanto bene avesse ;

Vertù di voi è che l' asperge e dele
Che mia soffrenza non steria contenta
Che non languisse , se pene tenesse

.

[ocr errors]

III.

[ocr errors]

Uno piacere dal core si move , E di vedere gli occhi lo sentenza , E nascene un pensiero,

che rimove In molte guise il core dall' intenza ,

Tanto lo bene che se ne commove
In giudicar lo cor non ha potenza
Che d' Amore feruto è di me dove
Dentro dal corpo ov'è la conoscenza .

Però nullo mi val conoscimento
Poi ch' è ferulo crudelemente
Di quello foco , ch' arde e non si spegne ·

Dunque lo core è sempre giudicato Dagli occhi

che gli mostrano il piacere , Onde lo mena e lo tiene e distregne

[ocr errors]

Fff *

NOTIZIE STORICHE D' ALCUNI POETI

DEL SECOLO XIII.

[ocr errors]

A lesso Donati su Fiorentino

lesso Donati fu Fiorentino , e fiorì nel primo se. colo della nostra poesia , al dir del Crescimbeni. Alcune, sue rime si trovano nella Chigiana in Roma al cod. 580. e dalli suoi Commentarj della Volgar Poesia è tratto il sonetto , che di questo rimatore ritrovasi .

Bartolomeo Notajo da Lucca visse nel secolo

XII. e fu coetaneo di Bonodico altro Notajo della istessa città. L' Edizione Fiorentina ci dà il sonetto di questo antico poeta .

B

onodico Notajo da Lucca visse al tempo del precedente, e l' Editore Fiorentino ci fornisce ugualmente le rime di questo anticu riinatore.

Geri Giannini Pisano poeta antico del primo secolo fu contemporaneo di Natuccio d' Anquino , a cui rispose con varj sonetti, che dall' Editore Fiorentino sono stati raccolti, e da cui sono stati cavati .

G

onnella degli Interminelli fiori a' tempi di Bonagiunta Urbiciani, e di Bonodico Notajo , mia siccome non si ha altra notizia di lui, si è posto tra li Rimatori , che vissero nel secolo xii. Dall'Edizione Fiorentina si sono tratte le rime qui collocate .

|

ALESSO DONATI.

Venite a pianger meco , o cor pietosi ,

[ocr errors]
[ocr errors]

Sopra la bella giovane caduta
Della mortal feruta ;
Pregando Dio , che seco la riposi
Venite a pianger meco ,

dolorosi,
A biasimar la morte ond è peruta i
Movendo lingua acuta
Ferir ne' suoi i feri occhi invidiosi .

Venite a pianger la somma virtute
Con alta nobiltate
Con l'onestà , che 'n questo corpo visse .

E poi guardate alle mie gran ferute Pensando proprietate , Se'l suo morir punto il mio cor trafisse ,

[ocr errors]

BARTOLOMEO DA LUCCA.

A BONODICO .

Vostro saver provato mi è mistieri ,

[ocr errors]

Po i mi so' in tutta dubitanza
Di dui amanti molto piacenteri
Chaman di fino core un' alta amanza :

L'uno ha baldezza e mostra volentieri Ciò che gli avvien per lui con arditanza : L' altro è dotto:so e biasma li parlieri Challa sua donna contan lor pesanza :

A cui deggia donar suo intendimento La gentil donna che di ciò è saggia ? Ch' io nond' ho conoscenza in veritate :

« ÖncekiDevam »