Sayfadaki görseller
PDF
ePub

Ecco l' ancella tua , fa, che ti piace

.
Canzone io credo , che saranno radi
Color , che tua ragione intendan bene
Tanto lor parli faticoso , e forte :

se per avventura egli addiviene
Che tu dinanzi da persone vadi
Che non ii pajan dessa bene accorle
Allor ti prego ,

che tu ti conforte ,
E dichi lor diletta mia novella :
Ponete mente almen , com' io son bella :

Ma ,

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

VII.

[ocr errors]

Amor che nella mente mi ragionaDella mia Donna disiosamente Muove cose di lei meco sovente, Che lo intelletto sour' esse disvia : Lo suo parlar dolcemente suona Che l'anima ch' ascolta , e che lo sente; Dice : ohime lassa ! ch' io non son possente Di dir quel ch' odo della Donna mia . E certo e mi convien lassare in pria S' io vo' cantar di quel , cliodo di lei Ciò che lo mio intelletto non comprende ; E di quel , che si intende Gran parte , perchè dirlo non saprei : Dunque se le mie rime avran difetlo , Che 'ntrerian nella loda di costei ; Di ciò si biasmi il debile inielletio E' parlar nostro che non ha valore Di ritrar tutto ciò che parla Amore .

Non vede il so! che intto il mondo giret , Cosu tanto gentil , quanto in quell' ora, Che luce nella parte., ove dimora

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

La Donna , di cui dire Amor mi face .
Ogni intelletto di lassù la mira :
E quella gente , che què s' innamora ,
Ne lor pensieri la trovano ancora ,
Quando Amor fa sentir della sua pace :
Suo esser tanto a quel , che gliel diè , piace,
Che sempre infonde' in lei la sua vertute
Olire al dimaindo di nostra natura :
La sua anima piira ,
Cle riceve da lui tanta salute
Lo manifesta in quel , ch'ella conduce.,
Che sue bellezze son cose vedute ;
Che gli occhi di coloro ove ella luce
Ne mandan messi al cor pien di desiri
Che prendono aere ,

e diventan sospiri
In lei discende la vertì divina
come face in Angelo , che 'l vede :
E qual donna gentil questo non crede.
Lada con lei e miri gli atti sui .
Quivi , dove ella parla , si dichina
Un Angiolo dal ciel , che reca fede
Come alto valor , ch' ella possiede
È ollre a quel , che si conviene a nui :
Gli atti soavi , ch' ella mostra altrui
Vanno chiamando Amor ciascuno a prova
In quella voce , che lo fa sentire :
Di costei si può dire ;
Gentile è in donna ciò , che in lei si truova :
E bello è tanto quanto lei simiglia .
E puossi dire che il suo aspetto giova
A consentir ciò che par maraviglia ,
Onde la nostra fede è ajutata ;
Però fi tal da eierno ordinata .
Cose appariscon nello suo aspetto ,

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

E rompon,

[ocr errors]

Che mostran de piacer di paradiso ;
Dico negli occhi, e nel suo dolce riso
Che le vi reca Amor , come a suo loco
Elle soverchian lo nostro intelletto
Come raggio di sole un fragil viso :
E. perch' io non la posso mirar fiso
Mi convien contentar di dirne poco :
Sua biltà piove fiammelle di fioco ,
Animate d' un spirito gentile
Ch' è criatore d'ogni pensier buono ;

come tuono,
innati vizj , che fanno altrui vile :
Però qual donna sente sua biltate
Biasmar , per non parer quela

ed umile
Miri costci , ch' essempio è d' umiltate :
Questa è colei , cli umilia ogni perverso :
Costei pensò chi mosse l'universo
Canzone

che tu parli contraro

raro
Al dir d'una sorella , che tu hai :
Che questa Donna , che tanto umil fai ,
Onella la chiama fiera , e disdegnosa.
Dico , che 'l ciel sempre è lucente e chiaro
E quanto in se non si turba gļammai ;
Ma gli nostri occhi per cagioni assai
Chiaman la stella talor tenebrosa :
E così quando la chiamo orgogliosa ,
Non considero lci secondo il vero
Na secondo quel , chi ella parea :

pur
Che l'anima temea
E teme ancora si, che mi par fiero
Quandunque io vengo

dovella mi senia .
Così ti scusa se ii fa mestiero ;
E quando puoi , lei ti rappresenta ;
E di ; Miidonnase 'l v'è a grilyo.,

e' par,

[ocr errors]
[ocr errors]

Io parlerò di voi in ogni lato .

VIII.

[ocr errors]

e vile

[ocr errors]

Le dolci rime d Amor , ch' io solia Cercar ne' miei pensieri , Convien ch' io' lassi ; non pereh' io non speri Ad esse ritornare ; Ma perchè gli atti disdegnosi , e fieri , Che nella Donna mia Sono appariti , m'han chiusa la via Dell'usato parlare : E poichè tempo mi par"

d

aspettare ,
Diporrò giuso il mio soave stile
Ch' io ho tenuto nel trattar d' Amore :
E dirò del valore
Per lo qual veramente è l'uom gentile ,
Con rima aspra , e sottile ,
Riprovando il giudicio falso
Di quei , che voglion , che di gentilezza
Sia principio ricchezza :
E cominciando chiamo quel Signore
Ch' alla mia Donna negli occhi dimora ;
Perch' ella di se stessa s' innamora .

Tale imperò , che gentilezza volse
Secondo 'l suo parere ,
Che fosse antica possession d' avere ,
Con reggimeni begli :
Ed alivi fu di più lieve savere
Che tal detto rivolse ;
E luliima particula ne tolse ,
Che non l' avea forse egli
Dire:ro da costor van tutti quegli ,
Che fun gentile per ischiattá altrui ,

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

Che lungamente in gran ricchezza è stata :
Ed è tanto durata
La così falsa openion tra nui ,
Che l'uom chiama colui
l'omo gentil , il qual può dire ; io fui
Nipole , o figlio di cotal valente
Benché sia da niente ;
Ma vilissimo sembra a chi 'l ver guaia ;
Cui è scorto il cammino

e poscia l'erra ; E tocca a tal , ch' è morto

e va per terra.
Chi dilinisce l'uom legno animalo
Prima dice non vero ;
Poi dopo 'l falso parla non intero :
Ma forse più non vede .
Similemente fii , chi tenne impero ,
In diffinire errato :
Che prima pone il falso , e d'altro lato
Con difetto procede :
Che le divizie , siccome si crede
Non posson gentilezza dar , torre
Perocchè vili son di lor natura :
Poi chi pirige figura
Se non può esser lei , non la prò porre ;
la diriita torre
Fa piegar rivo , che da lingi corre :
E che sien vili appare,

ed imperfetle ;
Che , quantunque collei
Non posson quietar , ma dan più cura :
Onde l'animo ch' è drillo
Per loro scorrimento non si sluce :

voglion , che vile uom gentil ilivegna ,
di vil padre scenda
Nazion , che per gentil giè mai s' intende :
Questo è da lor confesso :

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

e verace

[ocr errors]
[ocr errors]
« ÖncekiDevam »