Sayfadaki görseller
PDF
ePub

riti dell'offerta dovranno senza meno implorarmi, che ne resti scusato. Quest' uomo insigne , dato nel 1743 per Pastore alla patria nostra dall' immortal Carlo III. di sempre gloriosa ricordanza , ne' pochi anni del suo Vescovado , tutto si dedicò ad illustrarlu con la di lui vigilantissima sollecitudine non meno ,

che con le cure più assidue , e travagliose , onde mettere in veduta quan!o v'era da ammirare circa la sua origine , la sua ampiezza , la sua celebrità : E ad un fine si nobile mirano le Dissertazioni, che egli compose, a dispetto delle gravi difficoltà incontrate per degnamente riuscirvi. Esse poi si meritarono gli applausi universali di tutti i dotti; specialmente degli Scrittori della Storia Letteraria Italia ; di que' di Trevous ; dell'Ansaldi ; del Doria; e fra'nostri del Mamachio ; del Vargas-Macciucca ; del Sabbatini ; ed altri. Ma sopra tutti dell eruditissimo Benedetto XIV., cui il nostro Autore era non solo accetto per la di lui multiplice sapienza, ma ancora per certa maniera in venerazione tanto, che quel dotto Pontefice spesse volte nelle Opere sue , e segnatamente nella celeberrima de Synodo Dioecesana , lo ricorda, e lo cita con lode.

La generale approvazione adunque, e la fama mi hanno incoraggiato a tradurle dal latino ; e all' E. V. dedicarle , sentendomi nel cuor confortato da una quasi certezza , che sia per riceverle con serena, e lieta accoglienza. E tale fiducia non nasce semplicemente dalla piacevolezza dell'animo , che tanto risplende nella

persona di V. E.; bensì da quello affettuosa propensione , con cui ha sempre mirato e questa patria , e quanto possa riguardarla : Ed è percid che un'Opera , la quale le ne rammenta i fasti , potrà arch' essa attirarsi con facilità il suo conpiacimento.

V'ha in fine un' altro motivo, che mi rende animoso a farle la presente offerta : ed è appunto per grata significazione dalla mia parte; e confido puri anche della universalità de' miei Concittadini ;

che tutti noi non pur viva serbiam la memoria de si frequenti , e si - rilevanti favori, che V. E. si è costantemente degnata di compartire a chiunque si è affidato alla sua valevole protezione ; ma vogliamo ancora con questa per altro tenue dimostrazione sinceramente appalesarla.

Si com piaccia intanto l E. V. gradire il piccol dono , che con ingenuo ani

[ocr errors]

mo umilmente le offro ; e voglia usar con esso del suo forte patrocinio ; con me d'un pietoso compatimento.

lo sono col più profondo rispetto

Di V. E.

A

Devotis. Umilis. ed Obbligatis. Servo vero
GIACINTO M. CAN. D' AVITAJA-RAPICANO

Maestro di Sacra Teologia

AVVERTIMENTO.

و

Prevenuto dalla morte Monsignor Milante non vide pubblicata l'Opera sua. Fu cura bensì del di lui successore nel Vescovado di Castellamare, Monsignor D. Giuseppe Coppola dell'Oratorio di Napoli , e del Capitolo Caltedrale di detta Cit. tà, di farla stampare , dedicandola al Pontefice Benedetto XIV. di gloriosa ricordanza; cui era sommamente accetto l'Autore. Poco dopo surse un'uom' maldicente , ed ardito , il quale, abusando del nome di Monsignor Ludovico Agnello degli Anaslaggi, Arcivescovo di Sorrento , scrisse , e pubblicò una diatriba acerbissima contro il Milante, col titolo Animadversiones in librum F. Pii Thomae Milante Episcopi Stabiensis. Opus Ludovici Agnelli Anastasii Archiep. Surrent. Neapoli 1751. Le villanie , e le ingiurie , di cui quella satira amara è da cima a fondo aspersa ,

si conoscono a prima fronte , e da per loro stesse si condannano al meritato obbrobrio, ed all'obblìo. Vi fu nondimeno il nostro concittadino D. Gaetano Martucci, dotto ed eruditissimo medico , che ben dettagliatamente le confutò nella sua Lettera ec. stampata in Napoli 1753. Ma per conoscerne più da vicino il merito , non è superfluo qui trascrivere il giudizio, che ne diedero i compilatori della Storia Letteraria d'Italia nel Tom. III, lib. II, cap. 3, s. 12.

» Di due Libri or parleremo, i quali non deb

[ocr errors]

» bonsi l'uno dall'altro dividere , e scompagna» re; e un'esame diligente sul secondo servirà » anche a formare il giudizio del primo. Dopo » la morte di Monsignor Milante , Vescovo Do. » menicano , seguita nel 1749, tra gli scritti suoi » trovossi quest'Opera, consistente in cinque Dis» serlazioni : 1. De antiquitate , magnificentia, » et situ Stabiarum ; 2. De antiquitate , et prae» stantia Ecclesiae Stabianae : 3. De Monte

Aureo, ac inibi a S. Catello erecto templo » in memoriam Archangeli Michaelis: 4. De

Epoca S. Catelli: 5. De Episcopis Stabia. » nis. Monsignor Coppola , succeduto a quella

Vescovil Cattedra, crede onorevol cosa, e al» la memoria del defonto Predecessore, e alla » sua Chiesa , il darla in luce. Dopo un' anno » di meditazione, di fatica , di studio è usci» to in campo Monsignor Anastaggi Arcivescovo » di Sorrento, e un'acre ingiuriosissima censu» ra ha pubblicata, che ora esamineremo. Non » sappiamo, se vivente Monsignor Milante, l’Ar» civescovo Sorrentino avrebbe scritto con tanto » calore , e con tante contumelie'; ma facile è » ad ognuno ,

barbam vellere mortuo Leoni. » Protesta Monsignor Anastaggi , cha lo ha de» terminato a scrivere , il vedere nel libre di » Monsignor Milante , e depressa la Chiesa Sor» rentina , di cui è Suffraganea la Chiesa Sta» biense , e malmenato Monsignor Filippo Pa» triarca di Antiochia suo zio. Ma poleasi as» sumere la difesa dell' una, e dell' altro con » più di moderazione; e dovea ricordarsi il dot» lo Metropolita, che se ad ognuno conviene » la urbanità , e carità cristiana, ancorchè offe» so; molto più era richiesta in un'uom di Chje

« ÖncekiDevam »