Sayfadaki görseller
PDF
ePub

Esser beato non consente il cielo
A natura terrena. Amar tant' oltre
Non è dato con gioia. E ben per patto
In poter del carnefice ai flagelli,
Alle ruote, alle faci ito volando
Sarei dalle tue braccia; e ben disceso
Nel paventato sempiterno scempio.

0 Elvira , Elvira, oh lui felice, oh sovra
Gl’ immortali beato, a cui tu schiuda
Il sorriso d' amor! felice appresso
Chi per te sparga con la vita il sangue!
Lice, lice al mortal, non è già sogno
Come stimai gran tempo, ahi lice in terra
Provar felicità. Ciò seppi il giorno
Che fiso io ti mirai. Ben per mia morte
Questo m’ accadde. E non però quel giorno
Con certo cor giammai, fra tante ambasce,
Quel fiero giorno biasimar sostenni.

Or tu vivi beata, e il mondo abbella,
Elvira mia, col tuo sembiante. Alcuno
Non tamerà quant' io t amai.

Non nasce
Un altrettale amor. Quanto, deh quanto
Dal misero Consalvo in sì gran tempo
Chiamata fosti, e lamentata, e pianta!
Come al nome d'Elvira , in cor gelando,
Impallidir; come tremar son uso
Allamaro calcar della tua soglia ,
A quella voce angelica, all aspetto
Di quella fronte, io ch' al morir non tremo!
Ma la lena e la vita or vengon meno
Agli accenti d'amor. Passato è il tempo,
Nè questo dì rimemorar m' è dato.
Elvira, addio. Con la vital favilla
La tua diletta immagine si parte
Dal mio cor finalmente. Addio. Se grave
Non ti fu quest' affetto, al mio feretro
Dimani all' annottar manda un sospiro.

Tacque: nè molto andò, che a lui col suono
Mancò lo spirto; e innanzi sera il primo
Suo dì felice gli fuggia dal guardo.

XVIII.

ALLA SUA DONNA.

Cara beltà che amore Lunge m’inspiri o nascondendo il viso, Fuor se nel sonno il core Ombra diva mi scuoti, O ne campi ove splenda Più vago il giorno e di natura il riso; Forse tu l' innocente Secol beasti che dall' oro ha nome, Or leve intra la gente Anima voli? o te la sorte avara Ch’ a noi t' asconde, agli avvenir prepara ?

Viva mirarti omai Nulla speme m' avanza; S'allor non fosse, allor che ignudo e solo Per novo calle à peregrina stanza Verrà lo spirto mio. Già sul novello Aprir di mia giornata incerta e bruna , Te viatrice in questo arido suolo Io mi pensai. Ma non è cosa in terra Che ti somigli; e s' anco pari alcuna Ti fosse al volto, agli atti, alla favella , Saria, così conforme, assai men bella.

Fra cotanto dolore Quanto all' umana età propose il fato, Se vera e quale il mio pensier ti pinge, Alcun tamasse in terra, a lui pur fôra Questo viver beato: E ben chiaro vegg' io siccome ancora Seguir loda e virtù qual ne primi anni L' amor tuo mi farebbe. Or non aggiunse Il ciel nullo conforto ai nostri affanni; E teco la mortal vita saria Simile a quella che nel cielo india.

Per le valli, ove suona Del faticoso agricoltore il canto, Ed io seggo e mi lagno Del giovanile error che m'abbandona; E per li poggi, ov' io rimembro e piagno I perduti desiri, e la perduta Speme de' giorni miei; di te pensando

A palpitar mi sveglio. E potess' io,
Nel secol tetro e in questo äer nefando,
L'alta specie serbar; chè dell' imago,
Poi che del ver m'è tolto, assai m'appago.

Se dell' eterne idee
L'una sei tu, cui di sensibil forma
Sdegni l'eterno senno esser vestita,
E fra caduche spoglie
Provar gli affanni di funerea vita;
Os' altra terra ne superni giri
Fra mondi innumerabili taccoglie,
E più vaga del Sol prossima stella
T'irraggia, e più benigno etere spiri;
Di qua dove son gli anni infausti e brevi,
Questo d' ignoto amante inno ricevi.

XIX.

AL CONTE CARLO PEPOLI.

[ocr errors]

Questo affannoso e travagliato sonno Che noi vita nomiam, come sopporti, Pepoli mio ? di che speranze il core Vai sostentando? in che pensieri, in quanto O gioconde o moleste opre dispensi L' ozio che ti lasciâr gli avi remoti, Grave retaggio e faticoso ? È tutta , In ogni umano stato, ozio la vita , Se quell' oprar, quel procurar che a degno Obbietto non intende, o che all' intento Giugner mai non potria, ben si conviene Ozïoso nomar. La schiera industre Cui franger glebe o curar piante e greggi Vede l'alba tranquilla e vede il vespro, Se oziosa dirai, da che sua vita E per campar la vita, e per se sola La vita all' uom non ha pregio nessuno, Dritto e vero dirai. Le notti e i giorni Tragge in ozio il nocchiero: ozio il perenne Sudar nelle officine, ozio le vegghie Son de guerriere e il perigliar nell' armi; E il mercatante avaro in ozio vive: Chè non a sè, non ad altrui, la bella

Felicità, cui solo agogna o cerca
La natura mortal, veruno acquista
Per cura o per sudor, vegghia o periglio.
Pur all’aspro desire onde i mortali
Già sempre infin dal dì che il mondo nacque
D'esser beati sospiraro indarno,
Di medicina in loco apparecchiate
Nella vita infelice avea natura
Necessità diverse, a cui non senza
Opre e pensier si provvedesse, e pieno,
Poi che lieto non può, corresse il giorno
All' umana famiglia; onde agitato
E confuso il desio, men loco avesse
Al travagliarne il cor. Così de' bruti
La progenie infinita, a cui pur solo,
Nè men vano che a noi, vive nel petto
Desio d'esser beati; a quello intenta
Che a lor vita è mestier, di noi men tristo
Condur scopre e men gravoso il tempo,
Nè la lentezza accagionar dell' ore.
Ma noi, che il viver nostro all'altrui mano
Provveder commettiamo, una più grave
Necessità, cui provveder non puote
Altri che noi, già senza tedio e pena
Non adempiam: necessitate, io dico,
Di consumar la vita: improba, invitta
Necessità, cui non tesoro accolto,
Non di greggi dovizia, o pingui campi,
Non aula puote e non purpureo manto
Sottrar l' umana prole. Or s' altri, a sdegno
I vòti anni prendendo, e la superna
Luce odiando, l'omicida mano,
I tardi fatti a prevenir condotto,
In sè stesso non torce; al duro morso
Della brama insanabile che invano
Felicità richiede, esso da tutti
Lati cercando, mille inefficaci
Medicine procaccia, onde quell' una
Cui naturā apprestò, mal si compensa.

Lui delle vesti e delle chiome il culto
E degli atti e dei passi, e i vani studi
Di cocchi e di cavalli, e le frequente
Sale, e le piazze romorose, e gli orti;
Lui giochi e cene e invidïate danze
Tengon la notte e il giorno; a lui dal labbro
Mai non si parte il riso; ahi, ma nel petto,
Nell' imo petto, grave, salda, immota

Come colonna adamantina, siede
Noia immortale, incontro a cui non puote
Vigor di giovanezza, e non la crolla
Dolce parola di rosato labbro,
E non lo sguardo tenero, tremante,
Di due nere pupille, il caro sguardo,
La più degna del ciel cosa mortale.

Altri, quasi a fuggir vòlto la trista
Umana sorte, in cangiar terre e climi
L' età spendendo, e mari e poggi errando,
Tutto l' orbe trascorre, ogni confine
Degli spazi che all' uom negl' infiniti
Campi del tutto la natura aperse.
Peregrinando aggiunge. Ahi ahi, s'asside
Su l' alte prue la negra cura, e sotto
Ogni clima, ogni ciel, si chiama indarno
Felicità; vive tristezza e regna.

Havvi chi le crudeli opre di marte Si elegge a passar l'ore, e nel fraterno Sangue la man tinge per ozio; ed havvi Chi d' altrui danni si conforta, e pensa Con far misero altrui far sè men tristo, Sì che nocendo usar procaccia il tempo. E chi virtute o sapienza ed arti Perseguitando; e chi la propria gente Conculcando e l'estrane, o di remoti Lidi turbando la quïete antica Col mercatar, con l'armi, e con le frodi, La destinata sua vita consuma.

Te più mite desio, cura più dolce Regge nel fior di gioventù, nel bello April degli anni, altrui giocondo e primo Dono del ciel, ma grave, amaro,

infesto A chi patria non ha. Te punge e move Studio de' carmi e di ritrar parlando Il bel che raro e scarso e fuggitivo Appar nel mondo, e quel che, più benigna Di natura e del ciel, fecondamente A noi la vaga fantasia produce, E il nostro proprio error. Ben mille volte Fortunato colui che la caduca Virtù del caro immaginar non perde Per volger d' anni; a cui serbare eterna La gioventù del cor diedero i fati; Che nella ferma e nella stanca etade, Così come solea nell' età verde, In suo chiuso pensier natura abbella ,

[ocr errors]
« ÖncekiDevam »