Sayfadaki görseller
PDF
ePub

ACTA

SANCTAE SEDIS

IN COMPENDIUM OPPORTUNE REDACTA ET ILLUSTRATA

STUDIO ET CURA

IOSEPHI PENNACCHI ET VICTORII PIAZZESI

SEU

Acta iuridica et solemiora ex Supremo Romano Pontifice immediate dimanantia: acta
inter ea quae publici fieri possunt iuris, sive sint Decreta, sive Instructiones, sive Responsa,
et alia huiusmodi; praesertim vero Causarum expositiones et resolutiones ex variis
EE. Cardinalium 'Sacris Congregationibus, ad ecclesiastici iuris accuratam intelligentiam
et observantiam conferentes, in compendium diligenti studio redactae: alia denique iuridica,
quibus opportune illustrantur quae in expositis actis vel diflicultatem parere possint, vel
ad vigentis iuris notitiam ulterius conducant: in utilitatem eorum qui in Ecclesiae legibus
studiose dignoscendis, et in regimine christiani gregis, vel in colenda Domini vinea

sedulo adlaborant.

Volumen XIX.

ROMAE
TYPIS I LYGLOTTAE OFFICINAE
S. C. E PROPAGANDA FIDE

MDCCCLXXXVI.

[blocks in formation]

3

LITTERAE Sanctissimi D. N. Leonis XIII ad regem Lusitaniae.

Maestà

Non senza provarne sentimen Haud sine maximo animi moeto di vivo rammarico, abbiamo rore, Ferdinandum, Augustum appresa la notizia della perdita Patrem tuum, e vivis ereptum del Re Ferdinando, Augusto Ge- fuisse accepimus. Si tum nostra, nitore di Vostra Maestà.

tum etiam quae hic in Lusitaniae Che se i Nostri suffragi come Nationis templo piacularia solempure quelli che gli si renderanno ni ritu Eidem peragentur, et quam solennemente nella Chiesa Nazio

ipsi suscipimus, tanti luctus parnale del Portogallo, e la parte ticipatio, dolori, quo Maiestas veche prendiamo a cosi luttuoso stra afficitur, leniendo paria esavvenimento , valessero a lenire sent, Nos saltem cogitatio pietatis il dolore di Vostra Maestà , Noi erga vos officiis satisfecisse, solasaremmo confortati almeno dal retur. pensiero, di aver potuto compiere Qua occasione sinat Nos Maun pietoso uffizio.

iestas vestra, quod iam aut aniIn tale occasione poi Ci per mo proposueramus, super negotiis, metta Vostra Maestà di aprirle quae inter S. Sedem ac eiusdem tutto l'animo Nostro, come già Maiestatis vestrae Dominatum Ci proponevamo, sulle negozia- . aguntur, quaeque ad Lusitanum zioni, che corrono fra la Santa in Indiis Patronatum spectant, Sede ed il Governo di Vostra animum ipsum nostrum plene átMaestà, in rapporto al Patronato

que integre aperire. Portoghese nelle Indie.

Dum igitur ad Maiestatem VeNel rivolgere pertanto diret stram sermonem recta convertitamente a Vostra Maestà la No

mus, pergratum in primis Nobis stra parola, Ci è grato innanzi est notum facere, uti praeteritis tutto di constatare, che come per temporibus, ita et in praesentia, lo passato , cosi al presente la Lusitanam gentem de hac ApostoNazione Portoghese ha ben me lica Sede optime meritam fuisse, ritato di questa Sede Apostolica, cui illa obsequii sui ac reverenalla quale ha costantemente tri tiae tributum constanter praestibutato l' omaggio del suo ossequio tit. e della sua venerazione.

Libet enimvero memoriâ repeteCi gode invero l'animo nel re, dum ista Natio Catholicae unirammentare, che mentre quella tatis centro semper coniuncta fuit,

Nazione rimase unita al cen eius Principes, ut Catholica Fides tro della Cattolicità , i suoi so per eas regiones, quas ipsi impevrani si adoperarono alacremente rio subegerant suo, propagaretur, a propagare il Cattolicismo nelle

sedulo contendisse. Potest idcirco nuove terre per essi conquistate. iure affirmari Lusitanum VexilPuò quindi veramente affermarsi lum fuisse sub S. Crucis umbra che la bandiera Lusitana si spie- ubique explicatum : ita ut quot gò ovunque all'ombra della Croce, sibi armis conquisivit provincias, sicchè le conquiste del Portogallo totidem Religioni acquisiisse videaponno riguardarsi come altret

tur. Quemadmodum ergo cognomen tante conquiste della Religione. Regis Fidelissimi , ita et cetera Pertanto come il titolo di Re

ornamenta, multa quidem ac praeFedelissimo, cosi pure furono ben clara, quae privilegii nomine in conceduti que' molti e particola Lusitanos Reges Romani Pontifiri privilegi dei quali i sovrani ces large contulerunt, iure optidel Portogallo furono dai Ro mo concessa sunt: in quibus primani Pontefici largamente insi- vilegium Patronatus in Indiagniti. Fra questi hassi certamente rum Orientalium Ecclesias, quo ad annoverare il privilegio del Praecessoribus nostris eosdem amPatronato sulle chiese delle In- plissimis formis donare placuit, die Orientali, che i Nostri Pre est procul dubio recensendum. decessori vollero ad essi nelle At vero si Romani Pontifices ad forme più ampie conferire. haec adeo specialia decora conce

Che se i Romani Pontefici nel denda eo consilio permoti sunt, ut profondere cosi speciali conces eorumdem Regum religiosum stusioni furono mossi dal sentimento dium remunerarentur; eodem tadi rimunerare lo zelo religioso men tempore id animo intendedi quei Sovrani, ebbero però al runt, ut eos excierent ad novas tempo stesso in vista di eccitarli condendas Ecclesias, congruam a fondare nuove chiese e fornirle iis dotem suppeditandam, atque di congrua dote, ed a costi Ecclesiastici Ordinis Constitutuirvi un ecclesiastico organa tionem curandam , quae et ilmento, che meglio rispondesse larum Ecclesiarum necessitati, all' esigenze di quelle cristia et Fidei propagandae satis renità ed alla propagazione della sponderet. fede.

Ceterum haec est praecipua , È questo d'altronde il con fundamenti loco, Patronatus racetto fondamentale del Patronato, tio, quam aequum erat ut Praeal quale dovevano ispirarsi i No cessores nostri tum prae oculis stri Predecessori, ed al quale in haberent; et reapse, uti ex dvadó

[ocr errors]

realtà s' ispirarono, come risulta Yous documentis compertum est, hada' relativi documenti.

buerunt. Senonchè queste condizioni ine- Verum hae conditiones, quae narenti alla natura del Patronato, turae Patronatus inhaerent, quaee richieste esplicitamente nella que in concessionis Diplomate exsua concessione, per un complesso presse expostulantur, adiunctodi circostanze, che ora non è d'uo- rum concursu , quorum hic mepo il ricordare, non furono attuate minisse non iuvat, eo modo, vi ac nella proporzione che richiedeva il

numero, quae spirituale earum bene spirituale di quei popoli. gentium bonor um expetebat, prae

In tale stato di cose, la S. Sede stitae nequaquam fuerunt. non potendo permettere che per In quo rerum statu, quum s. Semotivi ad Essa estranei, gran par- des permittere non possit, ut ob te di quelle cristianità fosse pres- causas, quae Ipsam non attinsochè abbandonata ; che l'opera gunt, pleraque earumdem gentium dell'evangelizzamento degli infe- pars, quae Christianae Religioni deli rinuanesse quasi paralizzata, nomen dederunt, propemodum desi studio di provvedere al biso- relicta foret, atque Ethnicis Evangno, collo inviarvi elette schiere gelii praedicatio fere prorsus comdi operai Evangelici.

pedita, praesenti necessitati, seleDa qual felice risultato siano ctis Evangelicorum Praeconum state coronate le fatiche dei Mis- turmis eo missis, consulere stusionari, lo addimostrano le con- duit. versioni per essi operate e le fio- Quam felicem exitum operariorenti missioni ivi costituite. rum labores consecuti sint, innu

È perciò che il progressivo meri, qui ad Christianam fidem sviluppo e le rigogliose condi- per eos conversi sunt, florentesque zioni di quel popolo cristiano ci Missiones, quae inibi sunt consticonsigliano di far cessare lo stato tutae, testantur. anormale e precario fin qui pro- Hac nimirum de causa, novi in tratto, e di sostituirvi la forma dies illius Christiani populi pronormale e canonica della Eccle- cessus ac prospera conditio curare siastica Gerarchia.

Nobis suadent, ut isti abnormi et Mentre però Ci disponiamo a precario rerum statui hactenus prendere tale provvedimento che protracto, finis tandem imponatur, sarà per tornare di grande van- formaque sufficiatur stabilis atque taggio alla Chiesa delle Indie, canonica Ecclesiasticae Iepapyias. e di gloria non lieve al nome Dum vero huiusmodi institutum cattolico, Noi per altra parte

altra parte exequendum aggredimur , quod non abbiamo omesso di togliere quidem magno Indiarum Ecclesiis

« ÖncekiDevam »