Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][graphic][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]

281092

[merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small]

« Ed eccoci agli amori di Sordello in Provenza, o, meglio, alle donne da lui cantate in Provenza ». Bene :

ar auziretz ancabalitz chantars.

Lessi nel « libro » :

Delle parecchie canzoni, che, a quanto pare, Guida di Rodez ispirò a Sordello, "qualcuna poté esser composta anche dopo che ella si fu maritata con Pons de Montlaur: ché un gioco partito di Sordello con Bertran de La Manon nel quale il secondo optò pel pregio delle armi e rinnase quindi al primo la difesa del pregio d'amore, indusse il trovatore Granet a provocare a tenzone cosi Sordello come il suo avversario; e mentre al primo (che però non gli rispose) ricorda che per la pregiata contessa di Rodez piú di cento cavalieri han raso il proprio capo, e dovrà finire per raderselo anche lui, invita il secondo, un appassionato delle armi a parole, a recarsi a combattere contro l'Anticristo che s'avanza coi suoi, i quali uccideranno tutti quelli che non vorranno convertirsi alla loro fede: e qui si allude, fuor d'ogni dubbio, alla invasione mongolica nell'Europa occidentale,' che tanto preoccupò la Francia nel 1241.

se

La data dell'allusione non è punto « fuor di ogni dubbio ». Nel 1241 i Mongoli erano arrivati nel cuore dell'Europa, nella Slesia e nell'Ungheria, non ne stavano outra mar. Tre anni prima, nel 1238, era giunta in Francia e aveva mandato una rappresentanza in Inghilterra la solenne ambascería de' Saraceni, a portar le prime notizie della spaventosa invasione dei Tartari, a sollecitar aiuti. Dissero gli ambasciatori, o dalle loro parole si arguí : « quorum dux se nuntium Dei excelsi affirmat ad edomandaş. ģentes sibi rebelles ». ' Ecco la fonte prossima del « sento dire » di Granet ::

* Continuazione e fine, cfr. pag. 560. 1 Vorrà dire : orientale.

Giornale dantesco, VII (N. s., vol. IV) quad. I-II.

quar outra mar aug dir que Antecrist renha,
c'ap los seus ve, que totz sels ausiran
que no's volran covertir prezican....

La data della tenzone di Granet con Bertran d’Alamano può non essere il 1238, ma certo non è il 1241.

Scevro di preoccupazioni , non mi affrettai ad optare. Vediamo un po', dissi,

vediamo un po'. Granet non provoca a tenzone per conto proprio, di capo suo, Sordello e Bertrando; dichiara che il conte ha avuto l'idea di commettergli la censura degli errori detti da entrambi nella tenzone partita. Il De Lollis avvicina e accomuna due poesie, le quali, in verità, non hanno relazione tra loro: in una, quella già ricordata, Granet si permette di sentenziare tanto su i pensieri espressi da Sordello, quanto su quelli espressi da Bertrando nella loro discussione ; l'altra è un altro partimento, in cui si dimostra innamorato e poco fortunato in amore quel Bertrando, che a Sordello aveva altamente dichiarato di non volere sentir parlare d'amore, di volersi occupare unicamente di armi.

Naturalmente, il De Lollis non approva. Su i non gli piace ; preferirebbe sui, « non meno elegante ». Questione di gusto piú che di ortografia ; si tenga il sui, opti per sui.

L'altra poesia « non è un partimento », è una tenzone. Facile scambio del nome della specie con quello del genere ; se ne hanno parecchi esempi nelle rubriche dei canzonieri. Io avrei dovuto evitarlo ? Ed egli non avrebbe dovuto usar il vocabolo tornejamen, tanto meno per designare una serie di cobbole, che non compongono un partimen.' « Granet, sempre per ottemperare agli ordini del conte, si rivolge a Bertrando ». Questo no. Granet aveva ubbidito, aveva ottemperato agli ordini; aveva detto il fatto suo cosi a Sordello, come a Bertran, nelle cobbole Pos al comte. Molte poesie compose Bertran, e piú volte tenzonò con Granet. Dicendo Granet a Bertran : « Poiché mai non vi valse amore »; non intendeva di frammettersi, terzo incomodo, tra i due maggiori trovatori ; alludeva a qualche altra poesía, forse alle cobbole Nuls hom, nelle quali, per disperazione, Bertran osò prendersela con Dio stesso.

Dice ancora Granet : « Per il che vi consiglio che vi sovvenga delle armi e vi partiate da lei », e Bertrando avea detto, tenzonando con Sordello : « io scelgo la gloria e il pregio delle armi.... e vi lascio la follia dell'amore.... » Ecco, dice insomma Granet, ecco l'Anticristo che si avanza colle sue orde : affilate dunque quelle vostre armi, e tenetevi pronto voi che tenzonando con messer Sordello diceste: « Per il che, d'ora innanzi, pugnerò dove ch'io sia ». Come, come non ricondurre queste evocazioni che fa Granet delle vanterie bellicose del Lamanon e delle sue delusioni d'amore a quel partimen nel quale a cosi chiare note e col rapporto quasi di effetto e causa risuonano e le une le altre, ecc. ?

• M. Paris, Historia Maior; Parisiis, MDCXLIV, p. 318. Altre fonti riportano l'ambascería al 1236.

* V. JEANROY, La Tenson, pp. 8 e 1o.

Vi sovvenga delle armi ! Affilate dunque quelle vostre armi! Da qual pulpito sarebbe scesa la predica! Tutto il ragionamento del De Lollis si fonda su la prima strofe di Granet :

Pos anc no’us valc amors, senh'en Bertran,
per c'amas pus leys que no 'us ama senha,
que pus no’us a valgut, ia d'er'enan
no’us cal aver respieg que iois vo'n venha;
quar outra mar aug dir que Antecrist renha,
c'ap los seus ve, que totz sels ausiran
que no 's volran covertir prezican ;
per qu'ie'us cosselh que de l'arma 'us sovenha
e partes vos de leys c'amar no’us denha ;

per uso e consumo dei suoi lettori, e per mio ammaestramento, tradotta in prosa italiana:

Poiché mai non vi valse amore, messer Bertrando, perché continuate ad amar lei che non vi ama puntu ? ché s'ella fino adesso non vi soccorse, invano v'aspettate ora di averne gioia :' ora che, a quanto odo, regna oltre mare l'Anticristo, e s'avvia qui co'suoi, i quali uccideranno lutti quelli che non si vorranno convertire alle loro prediche: per il che vi consiglio che vi Sovvenga delle armi, e vi partiate da lei che non vi degna amarvi.

Qui il corsivo l' ha messo lui per meglio ferinare l'attenzione dei lettori e la mia. È chiaro ? Altro ! Limpido, patente, lampante, sfavillante : questa volta ha pescato non un granchio, ma addirittura un capodoglio. De l’arma us sovenha non significa, non può significare : vi sovvenga delle armi. « Armas » tolgo dal Lexique del Raynouard --- « Armas, s. f. lat. Arma, armes. A l'exemple de la langue latine, celle des troubadours n'a point employé ce mot au singulier.... ARMA, s. f. lat. Anima, âme. » È chiaro ? Altro che ! Granet consigliava : « Vi sovvenga dell'anima » ; dava il consiglio solito a darsi a quelli, che volevano, o non volevano andar a combattere gl'infedeli. ' Come, come non s'è il De Lollis rammentato di un fatto grammaticale tanto elementare ? Come non ha veduto, nel serventese Del preveire major di G. Figueira, da lui citato, i versi :

e non a cor d'ome valen
qui lai non vol l'arma el cors enantir,

lai, dove nacque Gesú e volle morire per noi ? Come non vi ha ripensato quando ha dovuto tradurre la tornata « della parodía che Bertran d'Alemanon fece del pianto di Sordello in morte di Blacas » :

De l’arma d'En Blancatz pens Deus lo glorios?

Meglio : « Che poi (Amore) non vi ha giovato a nulla, ben è inutile aspettarvene d'ora innanzi gioia, perché », ecc. Cfr. Ch. d. l. Croisade ecc., vv. 912-13.

· Cfr. Oertel cit., p. 18.

« ÖncekiDevam »