Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[graphic]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

for

[ocr errors]
[ocr errors]

, e speciale di disposizioni, che vanno

o titolo di Diritto Canonico. alla è stato

lla Religione ), o Ecclesiastico ( dalla clesia

Canoni) è il complesso sistematico di quali la Chiesa di Cristo, svolgendosi, si rdinamento ed una certa disciplina, cui

norma di condotta, cui estendeva e conil De stole

ndo il bisogno, mediante altre regole da se stitular

i adoperata la parola « Kávov » per indicare

* quia ad agendum , dice Isidoro, reste CONTE

E tortumque corrigit » (1). Laonde i Libri da

etti Canonici , i Decreti della Chiesa si dis

imi tempi, sotto la denominazione di Canoni to. Quhe Bate: Guitar

uno i Decreti risguardanti la fede, ma bensì la i primi venne lasciato il titolo di Costituzioni e si diede la denominazione di Canoni; poscia la meanoni » ha significato gli uni e gli altri; ciò av

XII in poi; e ne venne la denominazione di Ius

rima di quest'epoca tale espressione non ancora coSadia Caistan

o si diceva allegando « Canones » semplicemente, espressione «Canonum statula, forma, disciplina ». sono secolo si adatto anche la denominazione di « Cactio » (2), « Les canonica » (3), « Canonum jura » (4). one « Ius canonicum » in questa significazione tecnica teramente origine quando il diritto ecclesiastico prese a in corpo di disciplina scientifica; essa trovasi per la prima operata nella « Somma » di Sicardo (5). Verso questa poca si incontra altresi, come per indicare la medesima Stymol. lib. 5.

Philipp. III. 16. Conc. Neocaes. a. 314 c. 14. Conc. a. 325, c. 2, 6,

[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

CAPITOLO PRIMO

NATURA E SCIENZA DEL DIRITTO CANONICO

BIBLIOGRAFIA

Garzatoribus Fr. Grat. de: Compendium Iuris canonici. Ven. 1580--Clesi M. Ant.: Institutiones Iuris canonici, Col. 1566, ed. Sam. Mares, Groning. 1660 -- Pil Gregor. Tholosanus: Iuris canonici seu pontificii partitiones. 1595–Birbosa Alig Iuris ecclesiastici universi Libri III. de personis, locis, rebus ecclesiasticis, 2 sol. Lugd. 1650 — Pacis Iordan.; Elucubrationum diversarum. 3 tomi. Patav. 1650 – Schilter Ioa.: Institutiones Iuris canonici. ed. 5. Frkfrt. 1719 - Vex Sac., S. I: Ariadne Carolino-canonica. Aug. 1708 – Gibert loa. Pet.: Corpus Iuris canonici per regulas naturali ordine digestas. 3 fol. Col. 1735 – Kipping. S. W.: Santagma Iuris ecelesiastici. Brunswig. 1752– Zalvvein Greg, 0 Ben.: Principia juris ec. clesiastici ... Germaniae. 4 vol., 2 ed. Aug. 1781 – Böhmer Geo Lud.: Principia juris canonici, ed. 4. Gott. 1779, ed. Bauer 1820– Petka Mart: Iuris ecelesiastici Analysis, 2 parti. Vratisl. 1795-96— Politi loa.: Iurisprudentia ecclesiastica universa. L. IX. 9 vol., Ven. 1787-1798 -Schnaubert A. Ios: Grundsätze des Kirchen. rechts der Protest und Kathol. in Deutschland. 1794. 3 parti. 1799-1804 – Pehem I I.: Pralectionum in Ius ecclesiasticum. 3 parti. Vien. 1782. Das öffentliche allgem und das besondere Kirchenrecht. 2 vol. 1800-1803 Gambsjäger Ant.; Ius ecclesiasticum. 2 vol. 1815-Schmidt Ant., S. I.: Fundamenta juris ecclesiastici., ? vol. 3 ed. 1325-Schenkl Maur. O. B.: Institutiones Iuris ecclesiastici statui Germ, imprimis Barariae accom. 2 vol. 1790-1791, ed. Scheill, 1823. ed. 11 (Eugelmann ; 1853. -- Schulte: Ueber die Bedeutung und Aufgabe des Kirchenrechts und der Kirchenrechtswisch. in Archiv. I. 857. 1-25– Gerlah: Logisch-juristische Abhan. dlung über die Definition des Kirchenrects. 1872— Bierling: Das Wesen des po. sitiven Rechts und das Kirchenrechts, in Ztsch f. K. R., 13, 1876. 256-291-Bruns: Canones Ap. et Conc. I. 1839 107—Butz: Methodologie des Kirchenrechts. 184?Helfert Ios.; Handbuch des Kirchenrechts. 1849 – Slottvvinski Fel.: Institutiones Iuris ecclesiastici publici interni et externi. Cracov. 1839-40 – Tamburini Petr.: Praelectiones de ecclesia Christi et univ. Iurisprud. eccles. 4 vol. Lips. 1845 – Permaneder Fr. Mich., Handbuch des Kirchenrechts. 1846 -Chavan de Malan: De l'étude et de la Bibliographie de droit ecclésiastique. Paris. 1851 – Rosshirt: Uct. zere Encyclopedie des Kirchen Rects. 1861-Luise Gaspar de.: Codex dogmatuin fidei Christ. et canonum disciplinae cath. 2 vol. Torino 1876 una continuazione del Codex canonum ecclesiae, qui ex antiquo jure adhuc usque vigent. Napoli 8731)--Hinschius Paul: Das Kirchenrecht der Katolischen und. Protest, in Deut. schand; System des Kath. Kirchenrecht. I-III. 1869-1883 in pubblicazione; Kir chenrect nella Encyclopedie di lloltzendorf. I. 4. Vol. 1882, 817-867 – Friedberg Emil.: Lehrbuch des Katholischen und erangelischen Kirchenrect. 1879. 2 vol. 1884-Rudolf von Scherer: Handbuch des Kirchenrecht. 1885. I. Buch. V Capitel.

SOMMARIO – 1.° Il Diritto Canonico considerato nella sua terminologia – 2.° D4Privato – 4.° Ripartizione. Cixni - 5.' Trattazione sistematica del Dirillo Canonico e sua different. Lalu 110351 słazione ecclesiastica – 6. Relazioni tra il Diritto Canonicu ile, dei lo Stato – 7.° La Giureprudenza.

finizione ed obbietto del Diritto Canonico – 3.° Il Diritto Canonico Pubblico e

1." HDiritt Canonico considerato nella sua terminologia,

La chiesa, svolgendo la sua vita nella propria orbita, detta i

--. O costituisce un ordine speciale di disposizioni, che vanno tatte onoverate sotto l'unico titolo di Diritto Canonico.

Il Diritto Religioso ( dalla Religione ), o Ecclesiastico ( dalla Chiesa ), o Canonico (dai Canoni) è il complesso sistematico di quello norme, secondo le quali la Chiesa di Cristo, svolgendosi, si formava da sè un certo ordinamento ed una certa disciplina', cui si riportava come a sua norma di condotta, cui estendeva e confermava col tempo, secondo il bisogno, mediante altre regole da se medesima ricercate. E fu adoperata la parola « Kávov » per indicare appunto questa regola, « quia ad agendum, dice Isidoro, reste ducit, et pravun distortumque corrigit » (1). Laonde i Libri da Dio ispirati furono detti Canonici, i Decreti della Chiesa si dissero Canoni. Nei primi tempi, sotto la denominazione di Canoni non si comprendevano i Decreti risguardanti la fede, ma bensì la Disciplina; perciò ai primi venne lasciato il titolo di Costituzioni e decreti, ai secondi si diede la denominazione di Canoni; poscia la medesima voce « Canoni » ha significato gli uni e gli altri; cid avvenne dal secolo XII in poi; e ne venne la denominazione di Ius Canonicum. Prima di quest'epoca tale espressione non ancora conoscevasi ; ma o si diceva allegando «Canones » semplicemente, o si usava la espressione « Canonum statula, forma, disciplina ».

Dopo il nono secolo si adatto anche la denominazione di « Canonica sanctio » (2), « Les canonica » (3), « Canonum jura » (4). La espressione « Ius canonicum » in questa significazione tecnica ebbe primieramente origine quando il diritto ecclesiastico prese a formare un corpo di disciplina scientifica; essa trovasi per la prima volta adoperata nella « Somma » di Sicardo (5). Verso questa stessa epoca si incontra altresi, come per indicare la medesima

[ocr errors]

(1) Etymol. lib. 5 cap. 3 --Philipp. III. 16. Conc. Neo les. a. 314 c. 14. Conc. Nicaen. a. 3:25, c. 2, 6, 9, 10, 13, 16, 18.

(2) Nicol. 1 (c. 1. D. Y. (3) Carol. Imp. in Synodo Belvac. a. 845. c. 1. (4) Burchard: Worm, in proef. decreti. (5, Sarti: De claris archigymnasii Bononiensis Professoribus. T. I. P. II. p. 195. idea della espressione dinanzi citata, ha espressione « Ius Ecclesiasticum » (1). Il Concilio di Trento adatui, il titolo di Cano ni anche alle sue definizioni in materia di fede. :

2.° Definizione ed obbietto del Diritto Cann.co.

[ocr errors]

Come la Chiesa non esiste in forza di una concissioned yes runo Stato, ma per virtù propria, per volontà del suo Ismetre divino, così il Diritto Canonico non è una diramazione del Diritto secolare, ma è un Diritto a sè; un Diritto, che ha la sua sfera speciale di azione, in cui si forma e si esegue. E, dal punto di vista della Chiesa , come non esiste se non la Chiesa di Cristo, cosi non esiste se non il Diritto Canonico formolato dalla sola Chiesa Cattolica Apostolica Romana, unica depositaria della volontà di Cristo. Le altre Chiese ponno avere un loro speciale Diritto Ecclesiastico, ma il Diritto Canonico propriamente detto, quello che si deve studiare non solamente dai Cattolici , ma dai Giureconsulti in genere per la influenza storica dispiegata nella Legislazione secolare, è quello scaturito della Chiesa di Roma.

Laonde il Diritto Canonico va definito nei seguenti termini : « Complexio canonum sive legum fidem, mores et disciplinam spectantium, quae ab ecclesiastica potestate christianis vel praescriptae, vel propositae sunt » (2).

) a) « Collectio » ). Denota appunto il complesso sistematico delle norme ; non giá le regole distaccate le une dalle altre, ma prese nel loro insieme e ridotte a sistema, Nei primi tempi si scriveva e s'insegnava la materia riguardante la disciplina ecclesiastica senza un sistema ; non vi era ancora la forma scientifica ; col. l'andare del tempo, il Diritto Ecclesiastico si formulò in una propria disciplina scientifica. Ecco propriamente il Diritto Canonico, che si studia con l'ausilio di tre elementi : il pratico, lo storico ed il filosofico.

b) «Canonum sive legum »). Si adotta questa espressione per

) dinotare che il Diritto Canonico è il complesso sistematico delle regole, che sono proprie della Chiesa , le quali nel campo della Chiesa hanno forza di leggi e non di semplici esortazioni.

(1) Ius Ecclesiasticum è detto in un'antica Somma del Decreto in Savigny : Storia del Diritto romano nel Medio Ero. Parte III. X 190.

(2) Soglia: Institutiones. Praenotiones. Cap. I. % 2.

c) « Fidem, 712,3,4, piinam spectantiuin » ). Questa espressione dir i

Criè l'obbietto dei Canoni; la fede, i costumi e la sciplint ; sono i dommi della fede, o i precetti sui costumio! U nda circa la disciplina.

È very as well medesime materie riguardanti la fede ed i costu wis cerpt la Teologia dommatica e morale. Se non che la Triniz occupandosi della fede, discorre in genere delle cose diTiisabilisce la regola della credenza e pone tutta la sua effi

ir nel dimostrare ciò che è contro la fede, ciò che ripugna e c': che concorda con la dottrina della Chiesa. Il Diritto Canonico, occupandosi della fede, investiga come dalla stessa scaturisca una norma di agire, essendovi molte regole di disciplina, che derivano dalle regole della fede in modo che la regola della credenza costituisce la norma dell'agire. In breve la Teologia dommatica studia la « regulam credendi », il Diritto Canonico ri. cerca la « regularn agendi ».

Cosi è per riguardo ai costumi. « Theologia moralis motivo generali bonitatis atque malitiae, versatur circa virtutes omnes ac vitia : spectat primario, ac precipue forum internum, et tractat actiones quaslibet sive respectum habeant ad Civitatem, sive

(1). Il Diritto Canonico riguarda la cosa istessa , sempre dal lato della vita pratica dei credenti (2).

d) « Quae ab ecclesiastica potestate christianis »). Questa espressione denota l'Autorità, da cui emana il Diritto Canonico. E, siccome il Primato della Chiesa è tenuto dal Supremo Pontefice, che è la fonte di tutte le Autorità preposte al reggimento della Chiesa, per questo il Diritto Canonico appellasi anche « Ius Pontificium ». Coloro, che non ebbero mai il battesimo, non sono soggetti al Diritto Canonico, la Chiesa li considera fuori l'orbita sua, come i Giudei, i Gentili, i Musulmani.

Ma quelli, che hanno ricevuto il battesimo in nome di Cristo,

non »

[ocr errors]

(1) Schvvartz: Inst. Iur. publ. univ. instr. 1. & 3.

(?) « Canones non sunt nisi conclusiones ex principiis theologicis, id est ex E. vangelio, et aliis libris canon'cis elicitae, vel illatae, vel etiam determinationes loci, temporis, modi, quo jus divinum observandum praescribitur » (Gersonio: Recommendatio Licentiandorum in Decreto). E bene dice il Soglia: « Jus Canonicum rationem habet ofliciorum, quae in ecclesiastica societate praestanda sunt, ut fideles pie honesteque conversentur; et idcirco respicit fideles ratione habita ad communitatem ecclesiasticam, forumque externum maxime intretur... Denique Ius Canonicum divinis legibus sive fidem, sive morem spectantibus addit ecclesiasticas leges, sive poenas, quibus improbi homines in otlició contineantur: qua de causa exstant tituli de haeresi, de apostasia, de simonia, de adulterio, de perjurio, de surtis et similibus » (Soglia: Institutiones. Praenotiones. Cap. I. & 3;.

« ÖncekiDevam »