Sayfadaki görseller
PDF
ePub
[ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]

DEL DIPARTIMENTO DELL' ADIGE
E CAVALIERE DELLA CORONA DI FERRO

TOMO I.

VERONA

DALLA TIPOGRAFIA GAMBARETTI

MDCCCVI.

-

[merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors]

AL PREFETTO

DEL DIPARTIMENTO DELL' ADIGE

PI 0 M A G E N T A

CAVALIERE

DELL'ORDINE DELLA CORONA DI FERRO

GIAN-JACOPO DIONISI

CANONICO DELLA CATTEDRALE

DI VERONA

Bella

ella ventura per me, che di due Opere mie, forse l'ultime della mia vita, stante la grave mia età, ľuna del Focale di Dante, e ďaltre materie da quel derivate, a questi di tolta alle tenebre, dove, già da moli anni stampata, giaceasi occulta; l'altra da anni molti preparata, e omai già presso a compiersene la stamp per una Edizion novella dell Opere tutte del divino Poeta; bella ventura, io dissi, per me: che come nuovo argomento mi s'aggiunse d'intitolar quella al sempre onorato mio Confratello Monsign. Gualfardo Ridolfi nella seconda Elezione di Lui a Vicario Capitolare, vacando la Vescovil nostra Sede; così nella Elezione di Voi

[ocr errors][ocr errors]

!

!

a nostro Prefetto, Ufficio con sommo vostro ono-
re, e con grande contentezza nostra omai sino
ad ora da Voi sostenuto felicemente, diritta ra-
gion mi s'offerse d'intitolar questa a Voi; per-
chè ad una io vedessi li due più principali per-
sonaggi della Città nostra, avveduti ammini-
stratori, e integerrimi, dell' Ecclesiastico ľuno,
ľ altro dell Ordin Civile, dell'autorevole nome
loro, e solenne, le dette mie Opere fregiarle an-
bedue.

Le ragioni dell offerir io la prima a Lui
potrete leggerle, se vi piaccia, nella Lettera , che
gliene ho premesso; e a questo fine ve ne trasmet-
to una copia. Le ragioni poi, che mi muovo-
no questa seconda a Voi intitolare, non si cor-
rucci di grazia la moderazione dell'animo vo-
stro discorrere, leggendo questa, che la stessa.
mia offerta vi raccomanda e accompagna. Il
suggetto n'è Dante, il sommo e sovrano Poeta
d'Italia, Dante il Divino; che che ne sia paruto,
o ne paja ad alcuni schifiltosi, i quali per poco
di acerbità, e di amarezza del secolo, se tale è
pure, o si può dire, tanta salubrità di dottrine,
tanto senno e maturità di consiglio, tanta leg-
giadría e soavità di bellezze poetiche vanno
dannando e trassinando sciauratamente; per-
chè o non sono atti a conoscerli fatti pregi di

Lui, o conoscendoli, per lo amor proprio paventano farli conoscere altrui , credendo amare se stessi in farsi ad altrui nelle cose poetiche maestri e guida. Miseri che sono! Quanto più questo Autore dispregiano, tanto più glorioso e' risorge dai colpi ciechi di loro invidia. Sol idem, et alius nasceris. Sempre lo stesso,

ed altro sempre; cioè sempre conforme alla sua gran mente, ed eguale; e sempre nelle singolari sue virtudi, e sublimi, vario e diverso; perchè della stessa e medesima fonte sempre più se ne attigne a chi sappia in esso dirittamente studiare.

E Voi, Signore, per verisimili ragioni che ho, Voi siete di questi; e se non foste, ch' io non credo io, a' miei conforti vi priego, ( che alla molta età mia il consigliare condonerete, e'l pregare ) io vi priego a' miei conforti volgervi ad esso, ad esso applicare lo studio della nobilissima vostra mente, e del diritto cuor vostro i purissimi affetti donare; e vi so dire io che sempre più vi confermerete in riconoscere quan. to sia vera la sentenza ďun venerando personaggio, per

, per indole, per dottrina , per autorità da non paragonarsi a nessuno de' dispregiatori di Dante, dico il Morgagni: che la divina Commedia essere tale da sentirsene crescere l'intelligenza, l'ammirazione, l'amore col crescer degli anni.

« ÖncekiDevam »