Apologia di Dante: scritta intorno al 1575 dal Padovano Sperone Speroni

Ön Kapak
P. Prosperini, 1865 - 67 sayfa

Kitabın içinden

Kullanıcılar ne diyor? - Eleştiri yazın

Her zamanki yerlerde hiçbir eleştiri bulamadık.

Seçilmiş sayfalar

Diğer baskılar - Tümünü görüntüle

Sık kullanılan terimler ve kelime öbekleri

Popüler pasajlar

Sayfa 16 - E di venire a ciò io studio quanto posso , sì com' ella sa veramente. Sicchè, se piacere sarà di Colui, per cui tutte le cose vivono, che la mia vita duri per alquanti anni, spero di dire di lei quello che mai non fu detto d'alcuna. E poi piaccia a Colui eh...
Sayfa 16 - So io eh' el parla di quella gentile, Perocché spesso ricorda Beatrice, Sicch' io lo intendo ben, donne mie care. § XLIII. Appresso a questo sonetto apparve a me una mirabil visione, nella quale vidi cose, che mi fecero proporre di non dir più di questa benedetta, infino a tanto che io non potessi più degnamente trattare di lei. E di venire a ciò io studio quanto posso, sì com
Sayfa 51 - E di subito parve giorno a giorno Essere aggiunto, come quei che puote Avesse il ciel d
Sayfa 22 - Io aveva una corda intorno cinta , E con essa pensai alcuna volta Prender la lonza alla pelle dipinta. Poscia che l' ebbi tutta da me sciolta , Sì come 'l Duca m' avea comandato , Porsila a lui aggroppata e ravvolta; Ond...
Sayfa 31 - Giusti son due, ma non vi sono intesi: Superbia, invidia ed avarizia sono Le tre faville che hanno i cori accesi. 76. Qui pose fine al lagrimabil suono. Ed io a lui: Ancor vo' che m' insegni, E che di più parlar mi facci dono.
Sayfa 63 - ... non è Dante poeta fatto dallo esemplo, ma dalla sua propria ragione ». Mentre la sua idea della poesía, quando si trova a meditarla orgánicamente (v.
Sayfa 32 - ... infernale nel canto primo dello 'nferno, e nel canto 20. dello 'nferno, ove in molti modi...
Sayfa 62 - Francesca è bellissimo: e la leggerezza sua al vento maggior delle altre fa venir voglia a Dante di intender le...
Sayfa 25 - Dante vedremo grandeggiare dinanzi a suoi occhi l'uomo grande in molte arti, capace di aprire una via nuova che dovrà necessariamente essere seguitata. Per cui se lo loda perché teologo, matematico, loico e oratore, ciò che più glielo accosta è il fatto che « Dante meschi le favole gentili con la verità della istoria così sacra, come profana, e che Dante molte volte giuochi per entro i suoi versi ». Questo impegno di far storia, per quanto nasca in lui in rapporto all'idea del valore del...
Sayfa 49 - Dista ed aspetto, non pur visione ; e dice viso, e vidi ; nè quel terzetto Quale è colui, che sognando vede ec. fa creder, che la veduta, vista, ed aspetto di Dante sia vision di sogno ; anzi simigliando la sua veduta al sogno, fa manifesto che la sua veduta è vera, e così simigli il vero al sogno...

Kaynakça bilgileri