Sayfadaki görseller
PDF
ePub

SANCTAE SEDIS

IN COMPENDIUM OPPORTUNE REDACTA ET ILLUSTRATA

STUDIO ET CURA

IOSEPHI PENNACCHI ET VICTORII PIAZZESI

SEUS

Acta iuridica et solemniora ex Supremo Romano Pontifice immediate dimanantia: acta
inter ea quae publici fieri possunt iuris, sive sint Decreta, sive Instructiones, siye Responsa,
et alia huiusmodi; praesertim vero Causarum expositiones et resolutiones ex variis*
EE. Cardinalium Sacris Congregationibus, ad ecclesiastici iuris accuratam intelligentiam
et observantiam conferentes, in compendium diligenti studio redactae: alia denique iuridica,
quibus opportune illustrantur quae in expositis actis vel difficultatem parere possint, vel
ad vigentis iuris notitiam ulterius conducant: in utilitatem eorum qui in Ecclesiae legibus
studiose dignoscendis, et in regimine christiani gregis, vel in colenda Domini vinea

sedulo adlaborant.

Volumen XVIII.

ROMAE
TYPIS POLYGLOTTAE OFFICINAE

S. C. DE PROPAGANDA FIDE

MDCCCLXXXV.

[blocks in formation]

3 LITTERAE SSmi D. N. LEONIS Papae XIII. de subiectione quae sori

ptoribus incumbit quoad negotia religiosa et quoad Ecclesiae actionem in catholicam Societatem.

[blocks in formation]

La vostra lettera, piena dei Literae tuae filialis erga Nos sentimenti del più filiale attac

amoris et sincerae devotionis sencamento e della più sincera de- sibus exquisitissimis refertae, anivozione verso la Nostra persona, mum nostrum

recenti moerore, ha recato dolce conforto all' ani. eoque gravi, affectum, dulci somo Nostro, contristato da una latio leniverunt. recente non lieve amarezza. Voi Probe nosti, nihil nobis lucomprendete che nulla Ci potreb- ctuosius contingere posse, quam be riuscire più sensibilmente pe- inter catholicos perturbatum vinoso che il vedere turbato tra i dere concordiae spiritum, excuscattolici lo spirito di concordia, samque tranquillam animorum scosso quel tranquillo riposo,quel- quietem, fiduciam ac submissiol' abbandono fiducioso e sotto- nem, quae filios decet, in patermesso, proprio dei figli, nella nam, quae ipsos regit, auctoripaterna autorità che li governa. tatem. Proinde ipso primo huiusce E però anche al solo manifestarsi calamitatis indicio fieri non potdi ciò qualche segno , non pos

est, quin vehementer angamur, siamo non commuoverci grande atque ilicet periculum arcere cu· mente e non pensare subito a remus. prevenire il pericolo. Cosi la re- Itaque recens cuiusdam scripti, cente pubblicazione di uno scritto a quo minus expectandum erat, venuto d' onde meno si sarebbe quodque et tu deploras, publicatio; dovuto aspettare e che voi pure rumor qui exinde excitus est, et deplorate, il romore che si è fatto commentationes

quarum intorno al medesimo, i commenti fuit, nos neutiquam tacere iubent cui ha dato luogo, Ci consigliano super re, cuius tractatio quamvis di non tacere sopra di un argo- forte ingrata cedere possit, non mento, che se può essere ingrato, ideo tamen cum in . Gallia, tum non è per questo meno opportu- etiam alibi minus opportuna erit. no, sia in Francia, sia altrove. Ex quibusdam, quae observan

Per certi indizi che si osser- tur, indiciis, haud ediscere diffivano non è difficile raccogliere cile est, inter catholicos nonnullos

causa

[ocr errors]

che tra cattolici , forse per vi esse, quod forsan temporibus hisce zio de' tempi, vi sono di quel vitio est tribuendum, qui subditi li che non contenti della par- officiis quae ad ipsos in Ecclesia te di sudditi che loro spetta spectant, minime contenti, alinella Chiesa, credono di poterne quam in eiusdem regimine partem avere alcuna anche nel governo sibi competere posse autumant; di essa ; o se non altro stimano aut saltem ecclesiasticae auctoriche sia loro permesso di esami tatis actus discutere et iudicare nare e di giudicare a lor modo sibi permissum esse existimant. gli atti dell'autorità. Sarebbe Quod quidem, si obtineret graquesto, se prevalesse, un gravis- vissimum esset Ecclesiae incomsimo sconcio nella Chiesa di Dio, modum ac dedecus: in qua, certa nella quale, per manifesta vo divini Fundatoris voluntate, duae lontà del divino suo Fondatore, apprime distinguuntur partes, si distinguono, nel modo più as docens et discens, Pastores et grex; soluto, due parti, la discente e la

atque inter ipsos Pastores unum docente, il gregge e i Pastori, e esse omnium caput, Pastoremque tra i Pastori uno ve ne ha che supremum. Solis utique Pastodi tutti è il Capo e il Pastore ribus docendi, iudicandi regensupremo. Ai soli Pastori fu dato dique omnis potestas adtributa est: ogni potere di ammaestrare, di Fidelibus vero eorumdem docugiudicare, di reggere; ai fedeli menta excipiendi, iudicio se subiżfu imposto il dovere di seguire ciendi, officium impositum est; ut gl'insegnamenti, di sottomettersi se ab illis et regi, et corrigi atque docilmente al giudizio, di lasciarsi in salutem duci sinant. governare, correggere e condurre. Nimirum omnino necesse est, a salute. Cosi è di assoluta ne ut fideles azixo! Pastoribus suis cessità che i semplici fedeli sot mente et corde subditi sint, atque tostiano di mente e di cuore ai 'isti cum illis Ecclesiae Capiti, propri Pastori, e questi con essi supremo Pastori: in qua suboral Capo e Pastore supremo: ed dinatione ac dependentia, Ecclein questa subordinazione e dipen siae ordo et vita consistit, tum ad denza sta l' ordine e la vita della bene operandum, atque incoepta Chiesa; in questa è riposta la feliciter perficienda, certissima condizione indispensabile di bene conditio. Contra si fideles axixo: operare e di riuscire a buon porto.

. sibi auctoritatem arrogent, si iuPer contrario, che i semplici fe dices et magistros ipsi se constideli si attribuiscano autorità, che tuant, si qui subditi sunt aliam la pretendano a giudici e a mae normam ab ea quam suprema austri; che gl'inferiori, nel governo ctoritas tradit, omnino diversam

della Chiesa universale, preferi- . praeferant, vel ut ista praevaleat scano o tentino di far prevalere attentent, hoc perinde esset ac ordiun indirizzo diverso da quello nem susdeque vertere, in plerosdell'autorità suprema, è un ro que animos confusionem immitvesciare l'ordine, è portare intere; et a recta via aberrare. – molti spiriti la confusione, è usci Quo ab officio adeo sancto ut quisre fuori di strada.

piam extorris fiat, nequaquam opus Nè fa d'uopo, per mancare a est sive Episcopis, sive supremo dovere cosi sacrosanto, fare atto Ecclesiae Capiti se manifeste opdi manifesta opposizione, sia ai ponere; sed illa sufficit oppositio, Vescovi, sia al Capo della Chiesa; quae actibus non adeo directis basta anche quella opposizione perficitur; eo periculosior, quo che si fa con modi indiretti, tanto quis falsa pietatis specie eos ocpiù pericolosi, quanto si procura cultare conetur. Item huic di volerli meglio occultare con Sancto officio deficit, qui dum contrarie apparenze. - Come pure Romani Pontificis potestatem dovien meno a questo sacro dovere tesque asserere se iactat, Episcochi nel tempo stesso che si mo pos, ipsi fide et communione constra geloso del potere e delle iunctos, non veretur, aut non ita, prerogative del Sommo Pontefice,

ut par est, eorum auctoritatem non rispetta i Vescovi uniti con magni. facit, aut demum eorum Lui, e non fa debito conto della actus intentionemve, Sedis Apoloro autorità , o ne interpreta stolicae iudicium praeveniens, sinistramente gli atti e le inten- perperam interpretatur. Item pozioni prevenendo il giudizio della stremo minus sincerae submissioSede Apostolica. Similmente nis argumentum est , quamdam è argomento di sommissione poco velut oppositionem inter Pontifisincera stabilire come un' oppo cem et Pontificem adstruere. sizione tra Pontefice e Pontefice. Ii qui inter diversa statuta, Quei che tra due diversi indirizzi praesenti posthabito , praeterischifano il presente per attenersi tum tenent, Eius auctoritati qui al passato, non danno prova di ipsos dirigendi ius et officium haobbedienza verso l'autorità che bet, obedientiae specimen neutiha il diritto e il dovere di gui- quam praebent: hi nimirum illis darli : e sotto qualche aspetto quodammodo assimilantur, qui rassomigliano a coloro che, con damnati, futurum Concilium, aut dannati, vorrebbero appellare al Pontificem, rem melius, edoctum, Concilio futuro o ad un Pontefice appellare contendunt. Quod hac meglio informato. Ciò che a que super re omnino tenendum edicisto riguardo si ha da ritenere si mus, illud est, in generali Ec

« ÖncekiDevam »