Sayfadaki görseller
PDF
ePub

pedes? Et infra : Non lavabis mihi pedes in æternum. Dicit etiam, ipsum gladio percussisse ministri servum : quod etiam conscribunt omnes quatuor. Dicit etiam Joannes, ipsum introivisse subito, cum venit in monumentum, videns alium dicipulum cunctantem ad ostium. Dicit iterum, quod existente Christo in littore, post resurrectionem, cum Petrus audivisset, quia Dominus esset, subcinxit se tunica (erat eniin nudus), et misit se in mare. Ultimo dicit, quod cum Petrus vidisset Joannem, dixit Jesu : Domine, hic autem quid ? Juvat quippe talia de Arcbimandrita nostro in laudem suæ puritatis continuasse : in quibus aperte deprehenditur, quod cum de duobus gladiis loquebatur, intentione simplici respondebat ad Christum. Quod si verba illa Christi et Petri typice sunt accipienda, non ad hoc tamen, quod dicunt isti, trahenda sunt, sed referenda ad sensum illius gladii, de quo Mattheus scribit sic: Nolite arbitrari quia veni pacem. mittere in terram : non veni pacem mittere, sed gladium. Veni enim separare hominem adversus patrem suum etc. Quod quidem fit tam verbo, quam opere. Propter quod dicebat Lucas ad Theophilum : Quæ cæpit Jesus facere et docere. Talem gladium Chrislus emere præcipiebat, quem duplicem ibi esse Petrus etiam respondebat. Ad verba enim et opera parati erant, per quæ facerent quod Christus dicebat; scilicet, se venisse facturum per gladium, ut dictum est.

$ X. Dicunt quidam adhuc, quod Costantinus Imperator, mundatus a lepra intercessione Sylvestri, tunc summi Pontificis, Imperii sedem, scilicet Romam, donavit Ecclesiæ, cum multis aliis Imperii dignitatibus. Ex quo arguunt, dignitates illas posthac neminem assumere posse, nisi ab Ecclesia recipiat, cujus eas esse dicunt. Et ex hoc bene sequeretur, auctorilatem unam ab alia dependere, ut ipsi volunt. Positis igitur et solutis argumentis, quæ radices in

La donazione di Costantino era una credenza del medio evo, destituta peraltro d'ogni storico fondamento. Queglino veramente che

donarono alla Chiesa Roma e il Patrimonio si furono Pipino, Carlo Magno, e più che altri la contessa Matilde.

gnore, laverai tu a me i piedi ? e disotto dice : Non mi lave-
rai i piedi in eterno. Dice ancora, avere egli percosso col coltello
il servo del ministro ; ed in questo tutti e quattro s'accordano.
Dice ancora Giovanni, essere egli è entrato subito, quando venne
nel monumento, veggendo l'altro discepolo che stava fermo al-
ľuscio. Aggiugne ancora, che stando Gesù dopo la resurrezione
nel lito, ed udendo Pietro che egli era il Signore, si mise la veste,
(essendo prima ignudo) ed entrò in mare. Finalmente dice, che
quando Pietro vide Giovanni, disse a Gesù;: Costui che va fa-
cendo? E mi giova certamente tali cose del nostro pastore, in
laude della sua purità, avere narrate; nelle quali apertamente si
conosce, che quando parlava de' due coltelli, con semplice inten-
zione a Cristo rispondeva. Ed ancora se le parole di Cristo e
Pietro s' hanno in figura ad intendere, non si debbono pur non-
ostante tirare a quel senso che costoro dicono, ma al senso di
quel coltello, del quale Matteo così scrive: Non vi pensate ch'io
sia venuto a mettere in terra pace, ma il coltello. Io sono
venuto a separare l'uomo dal padre suo etc. La quale cosa si
fa in opere ed in parole. E però diceva Luca a Teofilo: Le cose
che cominciò Cristo a fare, ed a insegnare. Cristo comandava
comperare tal coltello : il quale essere quivi doppio, ancora Piero
rispondeva. Imperocchè egli erano apparecchiati alle parole ed al-
l'opere, per le quali farebbono quello che Cristo diceva, cioè
essere venuto a fare mediante il coltello, come detto abbiamo.

8 X. Dicono ancora alcuni, che Costantino, essendo mondato
della lebbru per la intercessione di Silvestro allora Pontefice,
donò la sedia dello Imperio, cioè Roma, alla Chiesa, con molte
altre dignità dell' Imperio. Donde arguiscono che quelle dignità
dipoi nessuno può ricevere, se non le riceve dalla Chiesa, della
quale elle sono, secondo che loro dicono. E di questo bene segui-
terebbe, come vogliono, l' una autorità dall' altra dipendere. Posti
e soluti gli argomenti, i quali parevano fondati ne' divini ser-

[ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small]

divinis eloquiis habere videbantur; restant nunc illa ponenda et solvenda, quæ in gestis romanis et ratione humana radicantur. Ex quibus primum est, quod præmittitur, quod sic syllogizant. Ea quæ sunt Ecclesiæ, nemo de jure habere potest, nisi ab Ecclesia : et hoc conceditur; Romanuin regimen est Ecclesiæ : Ergo ipsum nemo habere potest de jure, nisi ab Ecclesia. Et minorem probant per ea, quæ de Constantino superius tacta sunt. Hanc ergo minorem interimo; et cum probant, dico quod sua probatio nulla est : quia Constantinus alienare non poterat Imperii dignitatem, nec Ecclesia recipere. Et cum pertinaciter istent, quod dico sic ostendi potest. Nemini licet ea facere per officium sibi deputaturn, quæ sunt contra illud officium : quia sic idem, in quantum idem, esset contrarium sibi ipsi ; quod est impossibile. Sed contra officium deputatum Imperatori est scindere Imperium: cum officium ejus sit, humanum genus uni velle et uni nolle tenere subjectum, ut in primo hujus facile videri potest. Ergo scindere Imperium Imperatori non licet. Si ergo aliquæ dignitates per Constantinum essent alienatæ (ut dicunt) ab Imperio, et cessissent in potestatem Ecclesiæ, scissa esset tunica inconsutilis, quam scindere ausi non sunt qui Christum verum Deum lancea perforarunt. Prælerea, sicut Ecclesia suum habet fundamentum, sic etiam Imperium suum ; nam Ecclesiæ fundamentum Christus est; unde Apostolus ad Corinthios : Fundamentum aliud nemo potest ponere, præler id quod positum est, qui est Christus Jesus. Ipse est petra, super quam edificata est Ecclesia. Imperii vero fundamentum, jus humanum est. Modo dico, quod sicut Ecclesiæ fundamento suo contrariari non licet, sed debet semper inniti super illud, juxta illud. Canticorum : Quæ est ista quæ ascendit de deserto, delitiis affluens, innixa super dilectum ? sic et Imperio licitum non est contra jus humanum aliquid facere. Sed contra jus humanum esset, si seipsum Imperium destrueret; ergo Imperio seipsum destruere non licet. Cum ergo scindere Imperium esset demoni, resta porre e solvere quelli che si fondano nelle cose fatte da' Romani, e nella umana ragione ; de' quali primo è quello che cosi da costoro si propone : quelle cose che sono deila Chiesa, nessuno può di ragione avere se non dalla Chiesa : e questo si concede. Il romano reggimento è della Chiesa ; adunque non lo può nessuno di ragione avere se non dalla Chiesa. E provano la minore per quelle cose che di Costantino di sopra sono dette. Questa minore io dunque niego loro ; e quando ei la provano, dico che nulla pruovano, perchè Costantino non poteva alienare l'Imperio, e la Chiesa non lo poteva ricevere. E quando eglino si contrappongono pertinacemente, quello che dico così si può mostrare. A nessuno è lecito fare quelle cose, per l' officio a se deputato, le quali sono contro a esso officio ; imperocchè così una cosa medesima, in quanto è essa medesima, a se stessa sarebbe contraria, e questo è impossibile. Ma contro all' officio dell' Imperatore è dividere l' Impero; essendochè l' officio suo sia ad uno volere e ad uno nonvolere tenere l' umana generazione soggiogata, come nel primo libro dimostrammo : e però non è lecito allo Imperadore dividere l' Imperio. Se adunque per Costantino fussino alcune dignità alienate dallo Imperio, come eglino dicono, e fussino nella potestà della Chiesa pervenute, sarebbesi divisa la veste inconsutile, cioè non cucita; la quale non ebbero ardire dividere coloro i quali vulnerarono Cristo, vero Iddio, con la lancia. Oltre a questo, come la Chiesa ha il fondamento suo, cosi ancora l' Imperio ha il suo ; perocchè il fondamento della Chiesa è Cristo; onde lo Apostolo a' Corintii cosi parla : Nessuno può porre altro fondamento oltre a quello che è posto, e questo é Cristo Gesù : egli è la pietra sopra la quale è la Chiesa fondata ; ma il fondamento dello Imperio é la umana ragione. Dico ora, che come alla Chiesa non è lecito fare contro al suo fondamento; ma sempre debbe sopra esso attenersi secondo la cantica : Chi è costei che sale del deserto, abbondante di delizie, che s'appoggia sopra al suo diletto ? cosi allo Imperio non è lecito fare alcuna cosa contro alla umana ragione. Ma sarebbe contro alla umana ragione, se lo Imperio medesimo dissipasse : adunque allo Imperio non è lecito se medesimo dissipare. E perchè

struere ipsum, consistente Imperio in unitate Monarchiæ universalis ; manifestum est, quod Imperii auctoritate fungenti scindere imperium non licet. Quod autem destruere Imperium sit contra jus humanum, ex superioribus est manifestum. Præterea omnis jurisdictio prior est suo judice: judex enim ad jurisdictionem ordinatur, et non e converso. Sed Imperium est jurisdictio, omnem temporalem jurisdictionem ambitu suo comprehendens: ergo ipsa est prior suo judice, qui est Imperator: quia ad ipsam Imperator est ordinatus, et non e converso. Ex quo patet, quod Imperalor ipsam permutare non potest, in quantum Imperator, cum ab ea recipiat esse quod est. Modo dico sic : Aut ille Imperator erat, cum dicitur Ecclesiæ contulisse, aut non : et si non, planum est quod nibil poterat de imperio conferre. Si sic, cum talis collatio esset minoratio jurisdictionis, in quantum Imperator hoc facere non poterat. Amplius, si unus imperator aliquam particulam ab Imperii jurisdictione discindere posset, eadem ratione et alius. Et cum jurisdictio temporalis finita sit, et omne finitum per finitas decisiones absumatur ; sequeretur, quod jurisdictio prima posset annihilari : quod est irrationabile. Adhuc, cum conferens habeat se per modum agentis, et cui confertur, per modum patientis, ut placet Philosopho in quarto ad Nicomachum, non solum ad collationem esse licitam requiritur dispositio conferentis, sed etiam ejus cui confertur. Videtur enim in patiente et disposito actus activorum inesse: sed Ecclesia omnino indisposita erat ad temporalia recipienda, per præceptum prohibitivum expressum, ut habemus per Matthæum sic: Nolite possidere aurum, neque argentum, neque pecuniam in zonis vestris, non peram in via, etc. Nam etsi per Lucam babemus relaxationem præcepti, quantum ad quædam ; ad possessionem tamen auri et argenti, licentiatam Ecclesiam post prohibitionem illam invenire non potui. Quare si Ec

« ÖncekiDevam »