Sayfadaki görseller
PDF
ePub

I

NTORN' ad una fonte, in un pratello

di verdi fronde pieno e di bei fiori, sedean tre angiolette, i loro amori forse narrando; et a ciascuna 'l bello viso adombrava un verde ramicello ch’i capei d' or cingea, al qual di fuori e dentro insieme i dua vaghi colori avvolgeva un suave venticello.

E dopo alquanto l' una alle due disse, com' io udi': “De', se per avventura di ciascuna l'amante qui venisse, fuggiremo noi quinci per paura ? ” A cui le due risposer : “Chi fuggisse poco savia saría co' tal ventura ! ”

FRANCO SACCHETTI, 1335-1400

"O onde venite si leggiadre e belle ?

VAGHE montanine pasturelle,

d'onde venite si leggiadre e belle ? Qual è 'l paese dove nate sère, che sì bel frutto più che gli altri adduce ? Creature d'amor vo' mi parete, tanto la vostra vista adorna luce ! Nè oro nè argento in voi riluce, e malvestite parete angiolelle."

“Noi stiamo in alpe presso ad un boschetto; povera capannetta è 'l nostro sito; col padre e con la madre in picciol letto torniam la sera dal prato fiorito, dove natura ci ha sempre nodrito, guardando il di le nostre pecorelle.”

B That

ESIDE a fountain in a little grove

That fresh green fronds and pretty flowers did grace, Three maidens sat and talked methinks of love. Mid golden locks, o'ershadowing each sweet face, For coolness was entwined a leaf-green spray, And all the while a gentle zephyr played Through green and golden in a tender way, Weaving a web of sunshine and of shade.

After a while, unto the other two One spoke, and I could hear her words : “ Think you That if our lovers were to happen by We would all run away for very fright?” The others answered her : “From such delight She were a little fool who'd wish to fly!”

FRANCO SACCHETTI, 1335-1400

“O Say whither do you come so soft and rare ?

LITTLE shepherdesses fresh and fair,

Say whither do you come so soft and rare ?
Say, whither lies the land where you were born,
Where sweeter fruits than any do betide ?
With radiant smiles your faces you adorn,
Yet neither gold nor silver is your pride,
I trow Love fashioned you with him to bide,
Angels you seem yet tattered raiment wear!”

We live upon a hill beside some trees;
Humble our cot, we sleep in tiny bed
Both one and all together at our ease
When homewards we our gentle flocks have led
At eventide ; by nature we are fed
Day after day in flowery meadows fair."

“Assai si de' doler vostra bellezza, quando tra monti e valli la mostrate ; chè non è terra di sì grande altezza dove non foste degne et onorate. Deh, ditemi se voi vi contentate di star ne' boschi cosi poverelle ?

“ Più si contenta ciascuna di noi andar drieto alle mandre alla pastura, che non farebbe qual fosse di voi d' andar a feste dentro a vostre mura. Ricchezza non cerchiam nè più ventura che balli, canti e fiori e ghirlandelle.”

Ballata, s' i' fosse come già fui, diventerei pastore e montanino; e, prima ch' io il dicesse altrui, serei al loco di costor vicino; et or direi“ Biondella " et or“ Martino,” seguendo sempre dove andasson elle.

P

ASSANDO con pensier per un boschetto,

donne per quello givan fior cogliendo, “ to’quel, to' quel ” dicendo, “eccolo, eccolo," “ che è, che è ?“ è fior alliso,"

per

le viole.”
“Omè che 'l prun mi pugne !"

quell'altra me' v' aggiugne."
Uh, uh, o che è quel che salta ?”

È un grillo.”
“ Venite qua, correte :
raponzoli cogliete."

và là

1

“Your loveliness might well indeed make moan,
Which only among hills and vales is seen,
Though the proud cities of the world would own
It worthy to hold honourably, I ween!
Poor lassies, had you not far happier been
Out of these woods in more refined air ? ”

“Nay, we are well contented with our fate,
And, when we tend our flocks in pastures bright,
Merrier we are than you who go in state
To revel in your chamber shuttered tight;
Riches we do not crave nor gold delight,
But weave gay songs and garlands for our hair ! ”

O Ballad, were I now as long ago,
I'd be a shepherd lad upon a hill ;
I'd mark these lassies' goings, but none should know ;
I'd seek their company with a right good will ;
For ever we'd be calling “ Jack” and “ Jill,”
And wheresoe'er they went I'd follow there.

[ocr errors]

NCE, deep in thought, I, passing 'neath some trees,

Beheld a troop of maidens gathering flowers; One cried : “Ah look”; another : “ Nay, see these,” “What hast thou there?” “I doubt not lily-showers.”

And here, I trow, are violets blue.' " A rosewoe's me, a thorn bath pricked my finger through !” Alas, alas !”

What's that in the grass ? ' "A cricket.” Make haste, Here are salads to taste.” * No, no !”

But it's so.”

[ocr errors]
[ocr errors]

“E' non son essi.”

Si, sono."

Colei, o colei, vie' qua, vie' qua per fungi : costà, costà, pe' l sermollino.” “Non starem troppo, chè 'l tempo si turba, e balena e tuona, e vespero già suona."

Non è egli ancor nona.” Odi, odi : è l'usignuol che canta." “ Piu bel v'è, piu bel v'è.l' sento, e non so che.” “ Ove?”

Dove ? " “In quel cespuglio." Tocca, picchia, ritocca : mentre 'l busso cresce, et una serpe n'esce. “ O me trista !” “O me lassa!”

Oimé ! ” fuggendo tutte di paura piene, una gran piova viene. Qual sdrucciola, qual cade, qual si punge lo pede : a terra van ghirlande : tal ciò c'ha colto lascia, e tal percuote : tiensi beata chi più correr puote. Si fiso stetti il di che lor mirai, ch' io non m'avvidi, e tutto mi bagnai.

[ocr errors]
« ÖncekiDevam »