Sayfadaki görseller
PDF
ePub

COLLEZIONE

DI OTTIMI

SCRITTORI ITALIANI

IN SUPPLEMENTO

AI

CLASSICI MILANESI

VOLUME DECIMOQUINTO

1

[merged small][ocr errors]

DEI

PITTORI, SCULTORI

ED ARCHITETTI

MODERNI

DESCRITTE

DA

GIO. PIETRO BELLORI

TOMO III.

PISA
PRESSO NICCOLÒ CAPURRO

CO' CARATTERI DI F. DIDOT

MDCCCXXk

FA 606.601.691

9,4(3)

LOGG MUSEUM LIBRARY
HARVARD UNIVERSITY

Toss-Aug.1562

216 344 나 -73 noir

DEL CAVALIERE

D. LUCA GIORDANO

PITTORE NAPOLETANO

(by de' Domenici)

Dicesi del famoso Zeusi, che avendo egli avanti agli occhi le più vaghe e leggiadre donzelle di Grecia ,

, da ciascuna di esse ne prese qualche particolar pregio, e di tutte ne formò la sua Elena; che non fu altro, che una vaga unione di tutto il più ammirabile e raro, che la Natura avea in tante diviso , ed una perfertissima Idea della bellezza. Questo stesso con molto miglior consiglio in tutte l'opere sue s'ingegnò di fare il nostro Luca Giordano, per dare al mondo un'idea delle pitture, le più vaghe, più espressive e le più maravigliose, che mai immaginar si potessero. Unà egli in una, con sommo studio e fatica , tutte le più eccellenti maniere de' più celebri pittori, che innanzi a lui eran fioriti, e ne formò la sua bellissima ed ammirabile, che sola può servire di scuola e di esemplare a chi dietro le sue vestigia vuol giugnere all' immortalità. Quindi è, che nel- . le sue opere si vedono uniti tutti quei singolarissimi pregj, che sparsi si ammirano in tanti celebri autori; e sembra, che la Natura di tanti e sì varj pittori, ne avesse fatto un solo. Nè di questo sol paga: per viepiù renderlo superiore ad ogni altro, gli de.e un dono di stupenda prestezza e velocità, colla quale eyli in brevissimo tempo facea ciò, che altri dopo lunghissimo spazio menava a fine, e ciò con tanta accuratezza, che l'occhio altrui sovente penava a credere quel, che in

T. III.

« ÖncekiDevam »